730, l’assicurazione dell’auto te la porti in detrazione: prova a farlo in questo modo

Con l’arrivo del nuovo anno è arrivato anche il tempo del 730, l’unica opportunità per tutti gli italiani di risparmiare e avere indietro una piccola parte delle spese affrontate durante l’anno.

Assicurazione auto detratta
Assicurazione auto detratta – Motori.News

Chi ha la possibilità di farlo deve sicuramente approfittare e non deve perdere tempo. Gli automobilisti farebbero carte false per scaricare anche l’assicurazione auto, che tra l’altro è tra le spese più impegnative per tutti coloro che possiedono almeno una macchina. Purtroppo però non si può.

Ad oggi in Italia tutte le famiglie possiedono almeno due auto per nucleo, perché non se ne può più fare a meno. Purtroppo per quanto questi mezzi possano essere comodi, hanno un costo non indifferente.

Rimborso spese, arriva il 730

Soprattutto nel corso degli ultimi mesi i costi del mantenimento delle auto, sono aumentati, sia parlando di carburante, sia parlando di bollo auto e assicurazione. In particolare la polizza è aumentata per tutti i veicoli.

Per i neopatentati aprire un’assicurazione, anche se per un’auto di piccola cilindrata significa spendere oltre 1000 euro. In poche parole nel 2022/2023 l’assicurazione è arrivata ad avere un costo esageratamente elevato che non tutti possono permettersi di affrontare.

Risparmiare con il 730 ecco cosa si può fare

Per questo, se si può risparmiare qualcosa, compilando il 730 è meglio provvedere adesso mentre si è in tempo. Fare ricorso al 730, significa presentare la richiesta di rimborso di tutte le spese mediche e non soltanto, affrontate in un solo anno.

Se si potesse portare in detrazione anche una piccola parte della polizza, gli italiani risparmierebbero cifre consistenti soprattutto coloro che possiedono più di una macchina.

La buona notizia è la seguente: qualcosa di simile, si può fare, soltanto se si rientra in una categoria ben precisa.

Assicurazione auto
730 – Motori.news

Quale domanda si può fare nel 2023

Fino al 2013 si poteva portare in detrazione il 19% dell’assicurazione delle auto, quindi si poteva riavere indietro un massimo di €40. Si trattava insomma di una cifra quasi banale e irrisoria ma che nel totale ha dato la possibilità di risparmiare parecchio. 

A partire dal 2014 le cose sono cambiate, per cui lo sconto è stato eliminato. Oggi, si può ancora fare qualcosa per risparmiare qualche euro, basta sapere come farlo e quando. Quando si presenta la dichiarazione dei redditi, anche se non si può fare richiesta di rimborso per la polizza auto, si può richiedere il rimborso per delle assicurazioni particolari. 

Stiamo parlando del rischio di invalidità permanente e del rischio di morte. Chi è  interessato deve assolutamente presentare domanda al patronato proponendo per il 730  queste spese.