Lo storico marchio, anche a causa delle varie esigenze di mercato, per far posto al nuovo modello vorrebbe cancellare la berlinetta

Nei prossimi mesi potrebbero esserci novità importanti in casa Alfa Romeo. La storica azienda appartenente al Gruppo FCA continuerà, senza alcun dubbio, nel suo percorso di rinnovamento, se così possiamo affermare, che ha già portato all’ideazione della Giulia e dello Stelvio. Un concetto che ha trovato l’ammissione, in un certo senso, di Roberto Fedeli protagonista, alla fine del 2017, di parole significative.

Alla testata inglese Auto Express, infatti, l’attuale responsabile tecnico dell’azienda ha confermato, tra le righe, l’arrivo di un nuovo e grande SUV Alfa Romeo in grado di concorrere, ad esempio, con i più “famosi” BMW X5 e Porsche Cayenne. Dunque, un SUV compatto che potrebbe far cessare la produzione dell’Alfa Romeo Giulietta, la piccola berlina che ha avuto successo soprattutto negli anni scorsi.

Dal marchio italiano, dunque, sarebbe eliminata la segmento C anche perché il futuro di Alfa Romeo, da voci di corridoio, è ormai rappresentato dalla produzione del già menzionato SUV compatto oltre che dalla berlina sportiva media. Una scelta dovuta, altresì, alle considerevoli esigenze di mercato, sempre più fondamentali nel corso del tempo.

Piattaforma e motori

La piattaforma utilizzata dall’inedito SUV sarebbe la Giorgio mentre la trazione potrebbe essere integrale o posteriore. La produzione avverrà a Cassino, così come già avvenuto con i modelli Giulia e Stelvio, e a Pomigliano d’Arco. Inoltre, per il SUV compatto che, stando ad indiscrezioni, sarà presentato nel 2019, è previsto un motore con la variante mild hybrid benzina – elettrica oltre alla versione ibrida.

In foto: un rendering del nuovo SUV compatto denominato “Alfa Romeo C-SUV”