Sergio Marchionne, il prossimo 1° giugno, presenterà il piano industriale 2018-2022 del Gruppo Fiat Chrysler Automobiles.

Quando manca meno di un mese all’assemblea FCA, prevista per il prossimo 1 giugno in quel di Balocco, arrivano altre indiscrezioni sul mondo .

In particolar modo, in queste ore a tenere banco è la questione Giulietta, attesa da appassionati e addetti ai lavori con trepidazione. Come riporta l’indiscrezione lanciata da portale clubalfa.it, la prossima potrebbe essere innovativa in tutto e per tutto, a cominciare dalla sua forma, simile a un crossover.

Sul pianale “Giorgio”, ormai, non ci sono più dubbi, anche perché i risultati relativi alla dinamica, ottenuti su Stelvio e Giulia, sono stati totalmente soddisfacenti. La prima novità, tuttavia, riguarda la trazione, che sarà posteriore. Un accorgimento capace di assicurare maggiore sicurezza per chi dovesse guidare questo “bolide” appartenente al segmento C.

La nuova Alfa Romeo Giulietta, a differenza delle prime ipotesi, farebbe registrare novità rilevanti anche per quanto concerne i motori. Già, perché la nuova creazione del ‘Biscione’ sarebbe pronta ad “affidarsi” a un V6 biturbo capace di erogare una potenza di 510 CV (per intenderci, quello montato sulla Giulia Quadrifoglio). Ma non sarebbe finita qui. Stando ai rumors della rete, l’idea dell’azienda sarebbe quella di mettere a disposizione della clientela anche una versione inedita della Giulietta. Infatti, potrebbe “nascere” il modello Portafoglio, caratterizzato da un sistema ibrido Ferrari e da svariati accorgimenti elettronici usati in Formula 1, paragonabili all’ERS.

Per sapere tutta la verità sulla nuova Giulietta (che dovrebbe arrivare sul mercato entro il 2020), basterà attendere il prossimo 1° giugno. Giornata nella quale presenterà il piano industriale 2018-2022 del Gruppo Fiat Chrysler Automobiles. Un programma che prevede grosse novità anche per la produzione di nuove auto.

In foto, alcuni della Giulietta