Auto rotta, l’unica cosa da fare è questa: non farti trovare impreparato

Tutti gli automobilisti attenti e previdenti, dovrebbero avere in macchina il kit di prima emergenza, caricabatterie o cavi batteria auto, che possono servire in qualsiasi momento, trovandosi dinanzi all’auto che non parte.

Macchina ferma
Macchina ferma – Motori.news

In caso di necessità sia il kit, che il caricabatteria possono salvare la vita e non solo. Specie a causa dei lunghi periodi di lockdown, l’inconveniente che molti si sono ritrovati a dover affrontare è stato proprio quello della batteria scarica.

C’è chi è rimasto a piedi e ha cercato l’alternativa valida e chi invece ha fatto di tutto per farla ripartire, anche chiedere aiuto ai vicini di casa. In realtà ci sono dei rimedi che consentono di ripartire con la propria auto, gestendo il disagio con estrema consapevolezza e agevolezza, in autonomia, senza troppi problemi.

L’errore commesso da tutti gli automobilisti mentre l’auto non parte

Un po’ tutti gli automobilisti pensano di essere attenti quando basta, in realtà non è così, perché anche i migliori commettono degli errori spesso causati dalla stanchezza oppure dalla distrazione. Per esempio a causa della stanchezza si possono trascurare delle spie che compaiono sul cruscotto, oppure dei rumori che si sentono mentre si è alla guida.

Auto non parte-Motori.news

Prima o poi questi due piccoli problemi diventano problemi grandi e grossi, che possono causare non poche difficoltà. Inoltre risolverli quando sono già diventati un bel disagio costringe a spendere cifre importanti.

Trovarsi con l’auto che non parte è un problema che chiunque ha dovuto affrontare almeno una volta nella vita, per questo bisognerebbe cercare di prevenire e assumere delle corrette abitudini che possono cambiare la vita anche del portafogli. La prima cosa da fare è ascoltare l’auto. Prima di trovarsi con l’auto che non parte, questa lancia dei piccoli segnali, che devono essere colti in tempo per poter agire e risolvere in anticipo.

Per esempio una macchina che ha la batteria danneggiata ogni volta che viene accesa emette un suono particolare, facilmente riconoscibile. Se nel cruscotto non spunta alcun allarme e nemmeno nessuna icona all’accensione allora probabilmente il problema è molto più serio di quanto si pensa: la batteria è tutta scarica o non è collegata al sistema.

Come agire se l’auto non parte

Ci sono diversi metodi che consentono di aggirare il problema e risolverlo giusto per tornare a casa o arrivare a lavoro in tempo. Poi il consiglio è fare controllare l’auto da un professionista prima possibile. Il tempo, è il miglior amico o il peggior nemico, più se ne perde più magari si scioglie in verità sei, più si rischia di spendere cifre enormi per risolvere il problema.

Il primo rimedio consigliato, riguarda i cavi. Come prima cosa si controllano i poli, quelli positivi e quelli negativi, si attaccano alle auto, si prova ad avviare la vettura con la batteria scarica, accelerando e arrivando almeno fino a 2.000 giri. Le due vetture devono rimanere collegate per dei minuti, perché questo consente alla batteria scarica di ricaricarsi.

Se non si dovessero avere a portata di mano né i cavi della batteria, né il caricabatteria, si può ricorrere alla classica spinta, mentre due persone spingono l’auto da dietro, una da dentro deve cercare in tutti i modi di attivare il motore, facendo partire la macchina con la frizione e la seconda marcia.