Autovelox, arriva la versione 2.0 che non lascia scampo: altro che multe

Autovelox, è in atto un vero e proprio aggiornamento nel campo della sicurezza su strada. Si è arrivati alla versione 2.0 del dispositivo che da adesso in poi non lascerà più scampo a nessuno.

Autovelox aggiornato
Autovelox aggiornato-Motori.news

La battaglia tra autovelox e automobilisti è destinata ad andare avanti in eterno peraltro, sempre peggio. Adesso le cose andranno a peggiorare con Parifex Nano, un radar 3D che monta il sensore LiDAR.

Tramite i suoi grandi occhi, con un angolo di visione la 360 gradi, l’autovelox riesce a spingersi nei controlli andando molto più in là del normale, riuscirà a memorizzare soltanto la velocità istantanea. C’è dell’altro

Il nuovo autovelox è in via di studio e perfezionamento da anni. Si avvale del sensore 3D LiDAR, per ricostruire l’ambiente, facendo leva su un raggio di 100 metri, molto più ampio di prima.

Autovelox-motori.news

Autovelox 2.0 non darà scampo a nessuno

LiDAR ovvero l’abbreviazione di Light Detection and Ranging, consentirà di punire chiunque perché potrà rilevare scorrettezze a lunghe distanze e profondità mediante un raggio laser che ruotando va a scansionare tutto l’ambiente circostante.

Ruotando rileva senza problemi tutti gli oggetti che si muovono. Il software riesce a fare la mappa di ognuno di loro,  misurando lo spostamento nello spazio e nel tempo.

La tecnologia è frutto dello studio e delle ricerche dalla società francese Parifex che cerca da tempo la soluzione migliore per attuare un ottimo controllo stradale e per sanzionare le infrazioni al Codice della Strada.

Il nuovo autovelox è stato omologato in Francia, adesso viene usato soltanto per misurare la velocità. Più in là potrebbe essere usato anche per controllare altre infrazioni come il superamento della linea continua, oppure il passaggio delle auto o delle moto quando il semaforo è ancora rosso, oppure l’inosservanza degli stop o della distanza di sicurezza andando a distinguere la tipologia di mezzo, se auto o moto, riconoscendo i pedoni.

L’arrivo dei nuovi autovelox devasta gli automobilisti italiani

In Francia è già in uso, piano piano arriverà anche negli Stati e allora non ci sarà più scampo per nessuno. Gli autovelox sono già un ‘problema’ per tutti gli automobilisti e motociclisti, perché riescono a segnalare qualunque scorrettezza, anche il minimo superamento del limite di velocità essendo posizionati in luoghi impensabili. Nonostante siano segnalati, spesso andando a velocità importante è quasi impossibile riuscire a rientrare nei limiti in tempo. Inoltre una mossa azzardata potrebbe anche rivelarsi pericolosa e causare incidenti.

Per non dire che anche quando si pensa di averla scampata grossa, non è mai così. Anche dopo che sono trascorsi dei mesi, la multa arriva.