Con la nuova Legge di Bilancio 2019, anche gli automobilisti potranno essere investiti dalle novità. La suddetta legge, che molti confondono con quella di Stabilità, viene usata dal Governo per trasmettere al Parlamento le entrate e le uscite previste per l’anno successivo. Il bollo auto, quasi certamente, rientrerà nella nuova Legge di Bilancio, anche se i dettagli ancora non sono stati resi noti.

Secondo indiscrezioni, però, sarebbe previsto un aumento del bollo auto per determinati veicoli. Ad essere colpiti potrebbero essere i mezzi più inquinanti, ovvero Euro 1, Euro 2 ed Euro 3 che sparirebbero, così, nel giro di poco tempo per questioni ambientali. Ricordiamo che questa proposta fu fatta anche dal governo Gentiloni.

Le Euro 1, ricordiamo, sono state immatricolate a partire dal 1993 mentre le Euro 2 ed Euro 3, rispettivamente nel 1997 e 2003. E le auto storiche? Le cosiddette ventennali? Potrebbero essere interessate da questo provvedimento, in virtù della loro età compresa tra i 20 e i 29 anni. Tuttavia, si tratta di indiscrezioni, ma 20 milioni di italiani già tremano all’idea di registrare nuovi rincari.