Protagonista dello strano avvenimento un motociclista milanese di 66 anni

Una storia tanto vera, quanto incredibile. Come scrive ilCorriere, lo scorso 20 settembre, a Stefano Baggio, cittadino milanese, si è ritrovato protagonista di un avvenimento curioso, ma fino a un certo punto, mentre circolava su una delle strade principali della città meneghina.

“Provenivo dall’Arco della Pace — afferma Baggio — e, dopo l’incrocio con via Vincenzo Monti, ho notato una macchina sulla destra, parcheggiata male e molto vicina alle rotaie del tram. Per evitare inconvenienti, mi sono spostato al centro della corsia ma nel fare la manovra sono caduto. Non andavo veloce, sarò stato sotto i trenta all’ora, ma vuoi per il pavé dissestato vuoi per la doppia rotaia tra le due vie, mi sono ritrovato per terra”.

Riassumendo, il 66enne in questione, per colpe non sue, è caduto con il suo mezzo, riportando la frattura scomposta della testa dell’omero. Fin qui, nulla di strano, ma il bello deve ancora essere scritto.

Lo stesso Baggio, infatti, pochi giorni dopo l’incidente, ha ricevuto una contravvenzione dai vigili urbani perché, stando a quanto riporta il Codice della strada, è stato imprudente, quindi sanzionabile per non aver mantenuto il controllo del veicolo davanti a un ostacolo prevedibile. Oltre al danno, dunque, la beffa per l’esperto motociclista che, tuttavia, pagherà la multa, facendo ricorso, non senza togliersi qualche sassolino dalla scarpa: “La mia sensazione è che sia stata una manovra cautelativa del Comune per evitare che facessi causa per la condizione della strada”.

Parole che, al momento, non hanno provocato reazioni dalla polizia locale.