Caro carburanti: la notizia sta sconvolgendo tutti quanti, possibile rincaro fino a 4€ a litro | Pazzesco

La multinazionale americana di servizi finanziari JP Morgan ha messo in guardia tutti e ha fornito una previsione piuttosto preoccupante per il futuro. Davvero il carburante potrà arrivare a costare fino a 4 euro al litro in futuro? Questa l’oscura previsione in caso di tagli alla produzione di greggio da parte della Russia!

Caro carburanti
Caro carburanti – Motori.News

Il caro carburanti è una delle piaghe che maggiormente sta preoccupando automobilisti e motociclisti. Siamo ormai abituati a vedere la drastica salita della benzina e del diesel negli ultimi mesi a livelli superiori ai 2 euro al litro. La tensione internazionale fra Russia e Ucraina ha fatto schizzare i prezzi alle stelle del carburante e in tantissimi altri settori. Una situazione sempre più insostenibile. Essa, però, potrebbe diventare davvero drammatica in futuro. Perché?

La benzina, infatti, potrebbe salire fino a 4 euro al litro (avete capito bene!) se il prezzo del petrolio dovesse raggiungere l’assurdo livello di​​ 380 dollari al barile. La multinazionale americana di servizi finanziari JP Morgan ha sottolineato come nel futuro prossimo il prezzo della benzina possa salire a livelli inimmaginabili fino a qualche tempo fa.

Caro carburante
Caro carburanti: arriveremo davvero a 4 euro per un litro di benzina? – Motori.News

Ecco l’oscura previsione fornita dagli analisti di JP Morgan: “Le nazioni del Gruppo dei Sette stanno mettendo a punto un complicato meccanismo per limitare il prezzo raggiunto dal petrolio russo nel tentativo di stringere le viti sulla macchina da guerra di Vladimir Putin in Ucraina. Ma data la solida posizione fiscale di Mosca, la nazione può permettersi di ridurre la produzione giornaliera di greggio di 5 milioni di barili senza danneggiare eccessivamente l’economia”.

Benzina a 4 euro al litro? Ecco l’oscura previsione!

Stando a questa ‘terribile’ previsione, quindi, le sanzioni imposti dall’Europa alla Russia potrebbero non servire a nulla in futuro. La stessa cosa per quanto concerne l’inserimento di un tetto massimo per il prezzo di benzina e diesel, come proposto dal premier Draghi. Anzi, il tutto potrebbe rivelarsi addirittura controproducente.

Caro carburanti
Caro carburanti: ecco le terribili previsioni di JP Morgan – Motori.News

Come sottolineato da JP Morgan, infatti, la Russia non teme queste sanzioni e dispone di una situazione economica in grado di mettere in atto una conseguenza terribile per l’Occidente: il taglio della produzione. Se dovesse arrivare a tagliare 5 milioni di barili alla produzione quotidiana, il prezzo del greggio salirebbe a livelli insostenibili per tutti, con le ovvie e terribili conseguenze.

A proposito, sempre gli analisti di JP Morgan hanno detto: “È probabile che il governo possa vendicarsi tagliando la produzione come un modo per infliggere dolore all’Occidente. La rigidità del mercato petrolifero globale è dalla parte della Russia”. Quella del petrolio, dunque, potrebbe rappresentare una vera e propria arma per Vladimir Putin. Cosa accadrà?