Sono in circolo sul web alcune indiscrezioni relative alla permanenza della Ferrari nel campionato di Formula 1. A quanto pare il 2020 potrebbe essere l’ultima stagione per la rossa di Maranello nel Circus. Precisamente per il prossimo anno c’è certezza che il Cavallino rampante partecipi al mondiale così come i restanti team. Il dubbio sorge per il 2021, in quanto al momento non c’è ancora nulla di confermato, ed è proprio questo che sta facendo discutere tanto. La FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) insieme a Liberty Media, società americana organizzatrice del mondiale di F1, hanno ufficialmente rivoluzionato i regolamenti tecnici che andranno in vigore nella stagione 2021. Ora come ora ciò che ancora non è stata effettuata è la firma da parte di tutti i team sul Patto della Concordia. Si tratta di un documento che ordina le relazioni tra i boss del Circus e le scuderie partecipanti, e l’adattamento attuale scade proprio a fine 2020.

F1 2021, si prospetta una lunga battaglia per la Ferrari

Per il prossimo anno gli appassionati di F1 e la tifoseria della Ferrari potranno dormire sonni tranquilli, ma per il 2021 si prospetta una lunga battaglia da parte della scuderia nei confronti dei vertici del campionato. La rossa di Maranello minaccia seriamente di non apporre la firma nel momento in cui non riceverà le opportune garanzie da parte di FIA e Liberty Media circa il nuovo regolamento. A renderlo noto è stato Louis Camilleri, amministratore delegato, il quale ha ribadito che non c’è certezza che la Ferrari possa rinnovare la sua partecipazione in F1 a lungo termine.

Queste a seguire sono le dichiarazioni rilasciate da Camilleri in una recente intervista e riportate da ‘tuttomotoriweb.com’:

Quello che è stato annunciato nel corso dell’ultimo weekend è stato l’inizio di un processo. Non è nemmeno la fine dell’inizio. C’è ancora moltissimo lavoro da svolgere insieme alla Formula 1, alla Fia e agli altri team. Sì, abbiamo votato a favore dei regolamenti e non abbiamo esercitato il nostro diritto di veto. In assoluto siamo abbastanza soddisfatti della direzione che si sta intraprendendo e con i principi generali, ma chiaramente molti dettagli devono ancora essere aggiustati.

I team presenti in griglia di partenza potranno apporre le proprie firme per la stagione 2021 solamente dopo le relative trattative e accordi dettagliati, per i quali è previsto una lungo combattere. Sempre secondo Camilleri il futuro della Formula 1 nei peggiori dei casi si può considerare neutrale e probabilmente leggermente in crescita. Tutto questo lavoro comporta dei costi e addirittura i top team, come appunto la Ferrari, saranno costretti a raddoppiare alcune spese in vista della stagione 2021. Tutto ciò accadrà quando i lavori delle monoposto saranno del tutto rettificati e al contempo il nuovo budget farà il suo esordio.