scooter-sharing-milano

Nonostante l’emergenza Coronavirus, che sta mettendo spalle a muro il mondo intero, Nord Italia compreso, molte città soprattutto Milano non si arrendono e non si fermano. Certamente bisogna dire che la vita nel capoluogo lombardo nelle ultime settimane si è un po’ rallentata. Le strade cittadine non sono del tutto vuote, ma sicuramente la questione traffico non è più quella di un giorno feriale e quindi parecchio movimentata. A quanto pare coloro che decidono di spostarsi, per salvaguardare la propria salute, cercano di non utilizzare metropolitane, bus e tram bensì mezzi privati come auto, moto o scooter, oppure lo sharing (scooter, biciclette e monopattini). Da questo punto di vista non è stato registrato nessun calo né incremento drastico. Certamente i cittadini milanesi preferiscono spostarsi noleggiando uno scooter.

Stando alle ultime dichiarazioni rilasciate da Gianni Galluccio, General Manager Italia di Cityscoot, nel capoluogo lombardo sono state registrate meno persone, dunque la percezione è che ci sia una bassa inflazione dell’uso dello sharing. La città di Milano è quasi spopolata. Tra i vari utenti ci sono diversi universitari ed un pubblico con età compresa tra i 18 e i 40 anni che restano a casa dalla scuola o fanno smartworking. Un leggero incremento per quanto riguarda i noleggi è stato confermato da Enrico Pascarella, Italy Regional Manager di Cooltra, il quale in una recente intervista ha spiegato come questo sia un dato positivo malgrado siano cambiati i percorsi, le università siano chiuse e che molti cittadini stiano lavorando da casa. Questo lascia pensare come le persone, da un punto di vista globale, siano propense ad alternare soluzioni efficaci all’utilizzo dei mezzi pubblici.

Queste a seguire sono invece le dichiarazioni rilasciate da Vittorio Muratore, Founder e CMO di MiMoto: “Nel weekend le corse sono aumentate rispetto alla media ieri e oggi sono leggermente calate. Non per la preoccupazione del virus, ma piuttosto perché la città si è svuotata e le persone lavorano da casa”.

Quando lo sharing diventa una soluzione fondamentale

Rispetto ad una classica situazione i milanesi che si spostano, in questo periodo critico di emergenza sanitaria per Coronavirus, sono diventati circa un quarto. Discorso diverso per coloro che invece utilizzano gli scooter in sharing, infatti non c’è stato alcun cambiamento, nessun incremento né decremento. Ciò comporta che le persone che solitamente prediligono spostarsi con l’opzione dello scooter sharing sono aumentate. Si tratta di un dato importante che sottolinea l’importanza del noleggio a Milano.