Danilo Petrucci a sorpresa: ritorna a correre con una MotoGP

Danilo Petrucci ritornerà in MotoGP per un weekend: sostituirà l’infortunato Joan Mir in sella alla Suzuki GSX-RR.

Danilo Petrucci (LaPresse)
Danilo Petrucci – Motori.News

Danilo Petrucci aveva lasciato il campionato del mondo di MotoGP lo scorso novembre, a Valencia, nello stesso Gran Premio di addio di Valentino Rossi. Un’avventura decennale che gli ha regalato due vittorie in sella alla Ducati, per una carriera conclusa un po’ amaramente con KTM. Neppure il tempo di ambientarsi sulla RC16 che i vertici di Mattighofen lo avevano messo fuori dai propri progetti per puntare su due rookie (a loro volta scaricati a fine anno).

Per trovare nuovi stimoli professionali ha partecipato alla Dakar riuscendo a vincere persino una tappa, diventando il primo pilota al mondo a vincere almeno una gara MotoGP e una nella celebre edizione del Rally. Terminata l’avventura nel deserto ha firmato con Ducati per partecipare al MotoAmerica in sella ad una Panigale V4R del Warhorse HSBK Racing Ducati NYC, non riuscendo però ad avere la meglio sul vincitore Jake Gagne.

Petrucci in MotoGP un anno dopo

Joan Mir (LaPresse)
Joan Mir – Motori.News

Già in occasione del GP di Misano Suzuki aveva cercato Danilo Petrucci per sostituire l’infortunato Joan Mir, caduto rovinosamente al primo giro del GP d’Austria, dove ha riportato serie conseguenze alla caviglia. Ma Da Borgo Panigale non è arrivato il via libera, perché il pilota umbro era in corsa per l’AMA Superbike e non si poteva rischiare un infortunio. Nello scorso weekend il campionato americano si è concluso e ora Suzuki ci ha riprovato… con successo.

Danilo Petrucci ritornerà in MotoGP nel GP della Thailandia, in sella alla Suzuki GSX-RR di Joan Mir e condividerà il box con Alex Rins. Domenica scorsa a Motegi è stato il giapponese Takuya Tsuda a prendere il posto del campione maiorchino. Il collaudatore ha visto la sua moto prendere fuoco e si è ritirato, ma nel prossimo round il sogno di Livio Suppo si avvera e vedrà l’esperto Petrux sul prototipo di Hamamatsu, alla sua ultima stagione nel Mondiale prima dell’annunciato addio. “Voglio ringraziare la squadra per avermi dato questa fantastica opportunità. Vorrei anche ringraziare Ducati e il mio attuale team per avermi permesso di fare questo“, ha commentato Danilo.

Nel suo curriculum può vantare le due vittorie al Mugello 2019 e a Le Mans 2020, entrambe con la Ducati Desmosedici GP, ai tempi in cui condivideva il box ufficiale con Andrea Dovizioso. “Sono molto entusiasta di salire sulla GSX-RR e provarla. Sembra molto veloce e sappiamo che è una moto vincente“, ha proseguito il 31enne di Terni. “Non vedo l’ora di lavorare con il team Suzuki perché li conosco da molto tempo. Abbiamo un rapporto meraviglioso. So che non sarà facile, quindi non ho grandi aspettative, voglio solo divertirmi“.