Enea Bastianini, accordo biennale con Ducati: arriva la firma sul contratto

Enea Bastianini firma un accordo biennale con Ducati nel week-end del Sachsenring. Il suo manager Carlo Pernat svela i dettagli.

Enea Bastianini (Ansa)
Enea Bastianini – Motori.News

Non è un buon momento in termini di risultati in pista per Enea Bastianini, che al Mugello e al Montmelò ha raccolto due zeri che lo hanno rallentato nella corsa verso l’alto della classifica. Sabato al Sachsenring ci si è messa pure la sfortuna, quando ha beccato la bandiera a scacchi per un millesimo di secondo che gli ha impedito di accedere al Q2. Ma il 24enne romagnolo può consolarsi in un altro modo.

Infatti ha firmato un contratto biennale con Ducati fino al termine della stagione MotoGP 2024. Avrà moto ufficiale con le ultime specifiche del team factory in “tempo reale”. Il suo manager Carlo Pernat svela qualche dettaglio dell’accordo a Sky Sport MotoGP: “Siamo passati dalla stretta di mano al contratto reale, abbiamo firmato per due anni alla presenza di Claudio Domenicali, Gigi Dall’Igna e Paolo Ciabatti“.

L’ultima decisione per Enea Bastianini

Enea Bastianini (LaPresse)
Enea Bastianini – Motori.News

Per Enea Bastianini è scattato anche un meritato aumento di stipendio. Le tre vittorie segnate nel 2022 a Losail, Austin e Le Mans lo proiettano tra i grandi della MotoGP, anche se necessita di trovare più costanza. Resta ancora da capire se dal 2023 sarà nel box Pramac Racing o nel team Ducati factory al fianco di Pecco Bagnaia (è certo che lascerà il team Gresini Racing). La Casa emiliana scioglierà ogni riserva alla fine di agosto. “Non so se sarà una scelta per meriti sportivi o di marketing, sono dettagli che riguardano l’azienda. Per noi va bene così“.

Resta grande fiducia per vedere con i colori ufficiali il ‘Bestia’. In ogni caso porterà con sé i tecnici di maggiore fiducia, su tutti il capotecnico Alberto Giribuola. “Pramac è una buona squadra“, ha aggiunto Pernat. “Inoltre Enea porterà con sé i suoi uomini e questo è molto importante“. Ma prima di pensare al futuro è tempo di guardare al presente: servono punti in classifica per vincere il ballottaggio con Jorge Martin e magari qualche altro podio a breve termine.

Il GP di Germania si prospetta in salita, ma fra una settimana si correrà ad Assen, una pista molto congeniale al suo stile di guida. Ora che la testa è più sgombra da pensieri professionali, Enea Bastianini dovrà investire massima concentrazione su quanto avviene in pista.