La nuova Automobili Estrema Fulminea sarà la prima hypercar 100% elettrica tutta italiana. La Fulminea nasce nella “Valle dei Motori” e viene presentata ufficialmente per la prima volta al Mauto, a Torino, tra gli svariati capolavori del design italiano di tutti i tempi.

La nuova Estrema Fulminea è dotata di quattro motori elettrici che combinati sviluppano 2.040 CV. Un numero elevatissimo ma che ormai quasi ci siamo abituati a sentire nel mondo delle hypercar elettriche. Ciò che la distingue dalle altre è la tecnologia delle batterie. Automobili Estrema afferma che doteranno la Fulminea di un pacco batterie “ibrido” composto da ultra-condensatori e da celle a stato solido.

Le celle a stato solido sono una soluzione del tutto inedita e mai vista nel mercato attuale. Lo sviluppo è frutto della partnership con ABEE (Avesta Battery Energy Engineering). Gli ultra condensatori, già visti sulla Lamborghini Sian, sono al momento tra le dotazioni di massima avanguardia nella mobilità elettrica. Il pacco batterie “ibrido” (ultra-condensatori e celle a stato solido) sarà realizzato in collaborazione con IMECAR Elektronik.

Estrema afferma che il peso totale del pacco batteria “ibrido” sarà al di sotto dei 300 kg raggiungendo una densità di energia senza precedenti di 450 Wh/kg. La capacità della batteria combinata è fissata a 100 kWh mentre il peso totale della Fulminea dovrebbe essere di circa 1.500 kg. Se collegata a un caricabatterie rapido CC, la batteria della Fulminea sarà in grado di passare dal 10 all’80% di carica in meno di 15 minuti.

Tradotto in prestazioni la Fulminea sulla carta promette davvero molto. La Casa dichiara che la vettura sarà in grado di raggiungere i 320 km/h in meno di 10 secondi, bruciando lo 0-100 km/h in neanche 2 secondi. Inoltre, l’autonomia di guida stimata è di 520 km nel ciclo WLTP.

La Estrema Fulminea è lunga 4.683 mm, larga 2.052 mm e alta appena 1.148 mm. Il design è ricco di elementi aerodinamici di carbonio come i dischi copricerchi, ala mobile posteriore ed estrattore, i quali si inseriscono su superfici fluide che richiamano le supercar degli anni 60. Anche il logo si ispira agli iconici stemmi del passato, con la forma a scudo, di colore azzurro, e un fulmine incastonato, a ovvio simbolo dell’energia, della velocità e dell’energia pulita.

La Casa sottolinea di essere la prima al mondo a utilizzare pannelli di metacrilato riciclato ad altissima trasparenza con luci a Led RGB, capaci di creare un design unico per i gruppi ottici posteriori, un effetto a guida-luce che ricorda i fasci di luce delle fibre ottiche. Maniglie integrate touch e sistema di telecamere sui lati esterni dei parafanghi completano il design esterno.

Automobili Estrema prevede di costruire l’hypercar elettrica Fulminea in 61 esemplari, con le prime vetture che arriveranno sul mercato nel terzo trimestre del 2023. Per quanto riguarda il prezzo, l’acquisto di quest’opera ingegneristica, alleggerirà il vostro conto in banca di quasi 2 milioni di euro.