Con l’ingresso del nuovo anno ci saranno anche interessanti novità sul mercato delle due ruote. A partire dal 1° gennaio 2020 la normativa di omologazione Euro 4, relativa allo scarico e alle emissioni acustiche, andrà a cessare per lasciare spazio alla normativa Euro 5 (che farà abbassare di tanto i limiti delle emissioni di gas inquinanti). Si tratta di una regola molto più rigida e che può essere paragonata, se vogliamo, a ciò che succede con le emissioni delle automobili Euro 6. L’obbligo sarà previsto per tutti i motoveicoli appartenenti alla categoria L (dunque ciclomotori, motocicli, tricicli e quadricicli) che saranno omologati dopo il 31 dicembre 2019 e venduti nei Paesi dell‘Unione Europea e nella zona EFTA (ossia di libero scambio europea).

Revoca fino al 31 dicembre 2020

Tutti i motoveicoli già omologati Euro 4 e che fanno parte della categoria L come sopra citati, si potranno vendere tranquillamente fino al 31 dicembre 2020 e senza alcun ostacolo numerico. A partire poi dal 1° gennaio 2021 potranno essere venduti solo i motoveicoli cui omologazione sia Euro 5. Unica eccezione vale per i lotti che contengono modelli prodotti entro il 2020 e che si potranno mettere in commercio fino alla termine del 2021. La condizione, nel periodo dell’Euro 4, è questa: 1,14 grammi di monossido di carbonio per chilometro, 0,17 grammi di idrocarburi incombusti e 0,09 grammi di ossido di azoto.

Con l’entrata in vigore della normativa Euro 5, le emissioni di gas non dovranno andare oltre 1 mg/km di monossido di carbonio, 100 mg/km di idrocarburi totali, 68 mg/km di idrocarburi non metanici, 60 mg/km di ossidi di azoto e 4,5 mg/km di particolato.

Omologazione Euro 5: le categorie escluse di motoveicoli

Alcune categorie di motoveicoli per i quali non vi è l’obbligo di omologazione alla normativa Euro 5 sono gli enduro gara e da trial, i ciclomotori a tre ruote e i quadrimobili leggeri. Per la categoria appena citata il passaggio ad Euro 5 sarà obbligatorio a partire dal 1° gennaio 2024, quando per i restanti motoveicoli vigerà la normativa Euro 5 Plus.

Motoveicoli già omologati Euro 5

Diversi modelli di motoveicoli 2020 sono già dotati di motore Euro 5, eccone alcuni: Yamaha Tracer 700 (sport tourer media), Suzuki Hayabusa, Honda SH (scooter), Aprilia RS 660 e Tuono 660 Concept, Triumph Tiger 900 Rally e GT.