gp-australia-f1

Ormai la grave crisi ambientale che sta mettendo in ginocchio l’Australia sta diventando un vero e proprio allarme per la salute di tutti. Come ben sappiamo la Terra dei Canguri ogni anno a marzo ospita la prima gara del campionato mondiale di Formula 1. In vista della stagione 2020, però, a causa dei gravissimi incendi che stanno mettendo a suolo fauna e flora, il Gran Premio di Melbourne potrebbe essere a serio rischio. Questa indiscrezione è ormai in giro da un po’ di giorni e potrebbe diventare ufficiale, considerate le gravi condizioni. Gli incendi, con molta probabilità di natura dolosa, stanno divorando il territorio con estrema violenza. Fino ad oggi, purtroppo, si parla di un disastro che ha procurato 27 morti e 6,3 milioni di ettari bruciati tra foreste e boschi. Molte sono addirittura specie a forte rischio estinzione.

Quello che spaventa le autorità e tutta la popolazione del luogo è l’angoscia nel vedere un rogo spegnersi e l’istante dopo un altro che si accende. E’ una situazione che sta sconvolgendo davvero tutti. Questa bellissima terra sta per essere inghiottita completamente dalle fiamme. Insomma può essere considerata una vera e propria catastrofe ambientale.

F1, GP Melbourne a forte rischio

A marzo prossimo la Formula 1 dovrebbe raggiungere proprio l’Australia per inaugurare il campionato mondiale, come di consueto con la prima gara stagionale all’interno dell’Albert Park. I vertici del Circus e gli organizzatori del Gran Premio continuano a monitorare ogni giorno la tragica situazione. Malgrado in più occasioni si è parlato di spostare in altre location il GP Australia, è anche vero che il circuito è stato confermato fino alla stagione 2025. Per il momento è a serio rischio la tappa australiana, proprio perché non si sa come procederà la situazione incendi. L’aria, inoltre, risulta molto inquinata e pericolosa, in quanto ricca di anidride carbonica.

Qualora dovessero esserci seri problemi circa la prima gara inaugurale della stagione 2020 di F1, sarebbe un bel problema. Infatti, i biglietti dell’evento sono già stati venduti, ormai è già tutto organizzato. Il presidente dell’Aus Grand Prix Corporation, Andrew Westacott, per l’occasione ha dichiarato che non potrebbe sussistere alcun motivo per sospendere il Gran Premio. Gli incendi stanno divampando lontano da Melbourne, inoltre, l’aria interessata si trova a est e dista circa 200/300 chilometri dai roghi boschivi. Il problema inquinamento giunge a causa del vento. A quanto pare la gara dovrebbe disputarsi tranquillamente, la speranza ovviamente fino ad allora resta quella di veder cessare del tutto gli incendi.