In seguito a test pre-stagionali di Barcellona, che si sono tenuti ad inizio stagione, sembrava che la Ferrari avrebbe fatto scintille in pista e candidata al titolo mondiale di Formula 1. Ad oggi però, solamente a metà campionato, pare che i risultati ottenuti dalla rossa di Maranello siano del tutto al di fuori delle aspettative. Il Cavallino Rampante non è più competitivo come ci si aspettava e dovrebbe esserlo, soprattutto dopo che il giovane talento di Charles Leclerc sta mettendo in mostra tutte le sue doti.

Dopo l’ultimo Gran Premio di Silverstone, in Gran Bretagna, vinto ancora dal leader mondiale Lewis Hamilton su Mercedes, le speranze erano davvero poche per la Ferrari stravincere su questo particolare circuito. Malgrado la rossa guidata da Leclerc sia arrivata sul terzo gradino del podio, il dato che continua a preoccupare è l’enorme distacco dalla Freccia d’Argento del pilota britannico cinque volte campione del mondo.

La preoccupante situazione non ha meravigliato né lasciato di stucco nessuno, infatti, lo stesso Mattia Binotto, team principal della Scuderia Ferrari, lo aveva presagito e reso noto alla vigilia del weekend di gara di Silverstone. Il direttore tecnico aveva infatti dichiarato che il layout britannico non era il prediletto della Ferrari SF90. Inoltre, se Leclerc non avesse messo in atto tutto il suo talento, la sua grinta e il suo coraggio, il terzo posto non sarebbe arrivato perché la Red Bull di Max Verstappen avrebbe preso il sopravvento.

F1, Binotto elogia Leclerc e spera in Vettel

Il team principal della Ferrari, Binotto, ha parlato molto bene del giovane talento Leclerc. Queste le sue parole dopo il Gran Premio di Silverstone, ecco quanto riportato da ‘tuttomotoriweb.com’:

Charles ha fatto una gara fantastica per il modo in cui ha combattuto, si è difeso e ha attaccato. È un pilota straordinario e in Inghilterra ne ha dato una dimostrazione. Il terzo posto se lo è meritato. Si è guadagnato tutto”.

Mattia Binotto ha poi voluto parlare anche del caso Vettel facendo una vera e propria analisi sul pilota:

Sebastian ha sbagliato e ne è consapevole. Il suo ritmo comunque non era male, quindi non tutto è da buttare via. Adesso ne parleremo assieme e vedremo di capire come aiutarlo a riprendere in mano la macchina e l’assetto. Da parte nostra non abbiamo nulla da insegnargli. Lui sa quanto sia importante per la scuderia non sprecare punti, per cui sono convinto che saprà reagire da solo.

La Ferrari sta attraversando un periodo un po’ difficile e su questo ne siamo tutti consapevoli. Il direttore tecnico Binotto proprio non ci sta, secondo lui addirittura le Red Bull stanno raggiungendo e dando filo da torcere alle Ferrari. Dunque è imminente una soluzione. Ecco le sue dichiarazioni:

“Le Mercedes in questo weekend sono andate fortissimo. La W10 è un’auto bilanciata e considerato quanto sono state rapide nelle battute conclusive del gran premio significa che, diversamente da noi, riescono a lavorare bene con gli pneumatici.  Inoltre va detto che pure le Red Bull ormai ci danno filo da torcere, di conseguenza ci rimane molto da fare.

Se da un lato il campioncino monegasco ha impressionato tutti con il suo talento e tenacia, dall’altro lato si è visto un Sebastian Vettel un po’ in crisi e protagonista dell’ennesimo errore commesso in un gran premio. Il campione tedesco è in una fase in cui sa benissimo di doversi riprendere e dimostrare ai tifosi della Ferrari, all’intero staff tecnico e soprattutto a sé stesso, di avere le basi e l’esperienza per farlo.