Attraverso un comunicato stampa, i vertici di Liberty Media, FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile) e dall’Associazione Piloti, si sono riuniti in un summit tenutosi giovedì scorso a Parigi per discutere sul regolamento 2021 di F1. Dalla riunione, però, non si è raggiunto alcun accordo e dunque il discorso regole si aprirà di nuovo ad ottobre prossimo, come concordato tra le parti.

F1, quali erano gli obiettivi per il 2021

Per il regolamento 2021 si sono riuniti Liberty Media, FIA e i team di F1, i quali non hanno raggiunto alcun accordo circa le normative sia tecniche che economiche in vista del futuro. Gli obiettivi prefissati per il 2021 prevedono l’inserimento di un budget cap per ostacolare la supremazia di Mercedes, e .

Occorrerà ratificare parti di regolamento uniformate, in maniera tale da abbassare i costi di sviluppo e un layout monoposto così da agevolare i sorpassi e le esibizioni in gara. Tante sarebbero le innovazioni, ma ancora non ci si riesce a trovare un accordo tra le parti coinvolte.

Regolamento 2021, il documento ufficiale

Questo a seguire è il documento ufficiale rilasciato al termine dell’incontro sul regolamento 2021 di F1. Ecco quanto riportato da ‘tuttomotoriweb.com’:

“Mentre i principali azionisti della F1 sentono che gli obiettivi del regolamento futuro siano stati definiti, nell’interesse dello sport è stato convenuto che si potrebbe ottenere un risultato migliore sfruttando più tempo per un ulteriore perfezionamento e per ulteriori consultazioni”.

Anche i piloti, come accennato precedentemente, hanno voluto essere presenti alla riunione per sentirsi indispensabili nelle decisioni finali. Infatti , durante la scorsa conferenza a Montrèal, ha affermato le seguenti parole:

“Per quanto ci riguarda stiamo cercando di indicare ciò che vorremmo. E penso che questo ci abbia concesso di avere macchine più larghe e con maggiore velocità. Ciò che non ci trova d’accordo è il downforce. Quindi proveremo a dare qualche feedback in più su questo”.

A tale incontro hanno partecipato anche Pirelli e alcuni piloti come Lewis Hamilton, pilota Mercedes e campione del mondo in carica del Circus, Nico Hulkenberg (pilota Renault) ed Alexander Wurz (due volte vincitore della 24 Ore di Le Mans).