f1-gp-austria

Come ormai sappiamo è stata ufficialmente annunciata l’inizio della stagione 2020 del mondiale di Formula 1, bloccato a causa del Covid-19. La gara inaugurale è in programma il prossimo weekend del 4-5 luglio sul circuito del Red Bull Ring, in Austria. Dopo una settimana il Circus ritornerà in pista, precisamente 11-12 luglio per la seconda gara che si disputerà sempre sul tracciato austriaco. Successivamente ci si sposterà in Ungheria per la tappa del 19 luglio a Budapest. Poi ci saranno di nuovo due gran premi sullo stesso circuito, il 2 e il 9 agosto a Silverstone, Gran Bretagna. Seguono poi il GP di Spagna il 16 agosto, quello del Belgio il 30 agosto e il GP d’Italia il 6 settembre.

Tenendo conto della bozza del calendario 2020 di F1 aggiornata post lockdown, sono previsti due weekend di gara consecutivi sul medesimo circuito. Per evitare che la seconda gara possa essere simile alla prima e quindi non godere di un nuovo spettacolo o colpi di scena, i vertici del Circus hanno ben pensato di introdurre un’interessante novità: la gara sprint. Vediamo di cosa si tratta.  

La Formula 1 si rinnova, ecco cosa cambia

La gara sprint è la novità che la F1 ha introdotto solo per quanto riguarda il secondo gran premio, ossia quello che si correrà sullo stesso circuito. La griglia di partenza, dunque, non verrà stabilita in base alle qualifiche bensì da una gara più breve, in termini di durata, dove i piloti partiranno invertendo l’ordine rispetto alla classifica del campionato. Così facendo i piloti top, come Lewis Hamilton, Charles Leclerc, Max Verstappen e così via, potrebbero anche ritrovarsi a partire alla fine della griglia e quindi durante la mini-gara regaleranno spettacolo e divertimento per cercare di sorpassare chi li precede.

Questo format innovativo è stato già adoperato nelle serie minori quali la Formula 2 e la Formula 3. I primi otto piloti che si sono classificato nella prima gara, verranno invertiti in griglia di partenza per quanto riguarda la seconda gara del weekend successivo.

Tale novità pare abbia ricevuto l’approvazione dalla maggior parte delle scuderie del Circus. Ovviamente, però, resta il fatto che per ufficializzare questo cambiamento occorre che ci sia la conferma di tutti i team. Stando alle ultime indiscrezioni giunte dal noto sito britannico ‘The Race’, pare che solamente un team sia contrario a tale decisione.