vettel-ricciardo

In questo periodo di attesa per l’inizio del campionato mondiale di Formula 1, fermo a causa dell’emergenza sanitaria Coronavirus, si parla di mercato piloti e di rinnovi. In particolare in questo articolo si parlerà del futuro di Sebastian Vettel nella scuderia Ferrari. Dall’approdo del campione tedesco nella rossa di Maranello ad oggi i risultati non sono stati del tutto positivi, come ci si aspettava. Malgrado ciò, il Cavallino Rampante vorrebbe rinnovare il contratto al 32 enne ancora per alcuni anni.

L’oggetto in questione è proprio il rinnovo di contratto che la Ferrari avrebbe offerto a Sebastian Vettel, ormai in scadenza alla fine della stagione 2020. Qualche settimana fa si parlava di un’offerta relativa al prolungamento di un anno con una concreta riduzione dell’ingaggio (passando da 33 milioni di euro l’anno ai soli 12 milioni). Il quattro volte campione del mondo avrebbe rifiutato tale offerta, non tanto per l’ingaggio ridotto, quanto per la durata di un anno del contratto.

Rinnovo Vettel-Ferrari, una nuova proposta di contratto

Dopo la prima offerta di un solo anno di contratto, non accettata da Vettel, la Ferrari ne avrebbe proposto una nuova sicuramente più adeguata alle necessità del tedesco. Stando alle ultime notizie riportate da ‘f1-insider.com’, Mattia Binotto, team principal Ferrari, avrebbe offerto al pilota un contratto biennale più l’opzione per un futuro rinnovo. Ovviamente nella nuova proposta la riduzione dell’ingaggio non cambierebbe.

In una recente intervista rilasciata da Mattia Binotto sul portale ufficiale della Formula 1, il team principal avrebbe elogiato Vettel sottolineando i suoi pregi:

“Seb è una persona autentica e sincera. Ama il suo lavoro, lo ama davvero, e questa è una delle ragioni per cui alla Ferrari lo apprezziamo molto”.

Da parte di Sebastian Vettel c’è sempre stata la volontà di continuare il rapporto lavorativo con la Ferrari. Dunque per entrambe le parti non dovrebbero sorgere problemi per una collaborazione duratura. Se il campione ex Red Bull dovesse accettare il biennale, e considerato il rinnovo di Charles Leclerc fino al 2024, il tandem nella scuderia di Maranello resterebbe invariato fino alla stagione 2022. Se dovesse essere rifiutata anche questo tipo di proposta, la Ferrari starebbe pensando già al potenziale sostituto: ossia uno tra Daniel Ricciardo e Carlos Sainz. Ovviamente la priorità della Ferrari è quella di avere il tedesco per altre stagioni. Resteremo aggiornati per ulteriori novità a riguardo.