ferrari-sf1000-f1

In vista della ripresa del campionato mondiale di Formula 1, in programma il prossimo 5 luglio in Austria, al Red Bull Ring, la Ferrari ha deciso di rivoluzionare la SF1000 per il primo Gran Premio inaugurale della stagione 2020. Con lo stop forzato del mondiale a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus, ingegneri e meccanici della scuderia di Maranello si sono messi a lavoro per eliminare le carenze tecniche presentate dalla monoposto nel corso dei test pre-stagionali di Barcellona.

Malgrado per la prima gara stagionale sul circuito di Spielberg gli aggiornamenti effettuati sulla Ferrari SF1000 non saranno disponibili, verranno apportati alla vettura due cambiamenti fondamentali che lasciano ben sperare per la partenza del mondiale di F1 2020. Le parti maggiormente rivisitate che hanno richiesto aggiornamenti sono: il rinnovo aerodinamico del telaio, l’irrigidimento del cambio e soprattutto l’evoluzione del motore, così che il Cavallino Rampante possa ridurre il gap con le rivali Mercedes e Red Bull.

F1, Ferrari SF1000: rivoluzione tecnica già per la prima gara

Stando alle ultime indiscrezioni, infatti, a partire dal primo Gran Premio stagionale in Austria, le Ferrari di Charles Leclerc e Sebastian Vettel, monteranno un nuovo propulsore cui nome in codice sarà 065/2. Questo motore sarà in grado di garantire una maggiore affidabilità e sarà dotato di ulteriori 15/20 cavalli di potenza rispetto a quello precedente visto nei test di Barcellona.

Oltre al nuovo motore più sicuro e potente, le vetture monteranno anche un nuovo cambio che inciderà sia sulla guida dei piloti sia sulle prestazioni della Ferrari SF1000. La nuova power unit sfoggerà una struttura molto più rigida così da perfezionare la manovrabilità della monoposto e la prestazione e durata delle gomme. Questo, però, potrebbe comportare la perdita, seppur minima, dell’aerodinamica e dell’agevolezza.  

Eppure all’inizio del mese di giugno Mattia Binotto, team principal Ferrari, aveva rilasciato un’intervista ai microfoni del quotidiano sportivo spagnolo ‘Marca’ dichiarando:

Non mi aspetto che la nostra sarà la macchina più veloce in Austria. Dovremo ottenere il massimo dei punti possibili all’inizio del Mondiale e poi cercare di reagire successivamente. Con il nuovo regolamento che ha congelato diverse parti della vettura le opzioni per lo sviluppo sono ridotte. Abbiamo accettato questi cambiamenti per il nostro senso di responsabilità verso la F1, anche se ci renderanno la vita più difficile, ma questo non significa che sarà impossibile. Credo che ci renderemo conto del vero potenziale della macchina solo dopo le prime tre gare”.

Insomma sapremo con precisione i dettagli sui cambiamenti della Ferrari SF1000 solamente al primo Gran Premio d’Austria del 5 luglio. Quasi sicuramente vedremo aggiornamenti sul nuovo motore e sul nuovo cambio, mentre per quanto riguarda i cambiamenti tecnici e aerodinamici, bisognerà aspettare le gare successive.