jean-todt-sebastian-vettel

Dopo l’addio alla Ferrari, Sebastian Vettel dovrà decidere sul suo futuro. La scelta più plausibile, e clamorosa, sarebbe l’approdo in Mercedes. La vettura tedesca sarebbe l’unica sulla quale il pilota 32 enne potrà ancora dimostrare il suo valore, qualora decidesse di voler correre ancora in Formula 1. Questo è ciò che pensa e che ha dichiarato Olav Mol, telecronista della televisione olandese, al podcast F1 aan Tafel.

Vettel desidera la Mercedes, sarà la scelta giusta?

Anche per il team principal Mercedes, Toto Wolf, il possibile arrivo di Sebastian Vettel potrebbe essere una buona soluzione. La scuderia con sede a Brackley, nel Regno Unito, non ha chiuso la porta al tedesco, anzi l’ex Ferrari potrebbe essere la giusta soluzione. Ma si tratterebbe di una trattativa molto difficile da portare avanti fino all’ipotetica firma.

E se invece Vettel pensasse al ritiro?

E se la scelta del pilota tedesco sarebbe, in realtà, quella del ritiro dalle corse? Le quotazioni dei bookmakers sono abbastanza elevate circa il suo ritiro dalla F1 alla fine dell’anno. L’ex pilota Hans-Joachim Stuck, in una recente intervista rilasciata a ‘Servus tv’, avrebbe dichiarato che solo Vettel conosce il suo futuro e solamente lui sa come procedere. La sua volontà non sarà certo di correre su una vettura che non sia tra i top team, a tal punto le scelte sono davvero ridotte e quasi scontate. Se il 32 enne di Heppenheim non vedrà alcuna alternativa che lo soddisfi a pieno per continuare a correre, allora non gli resta che ringraziare tutti e appendere il casco al chiodo. Dovesse arrivare a questo, però, sarebbe davvero un fallimento.

Futuro Vettel? No problem, ci pensa zio Todt

Stando alle ultime indiscrezioni che circolano in rete, pare che il futuro più consono a Sebastian Vettel sia passare dalla tuta alla giacca e cravatta. Ebbene sì, il tedesco potrebbe essere il degno successore di Jean Todt e diventare dunque presidente della FIA (Federazione Internazionale dell’Automobile). Infatti, il contratto del dirigente sportivo francese scade alla fine del 2021 e avrebbe già dichiarato di non volersi riconfermare. Così avrebbe consigliato Vettel a presiedere tale carica: “Magari sarebbe un buon presidente della Fia in futuro, non si sa mai”.

Jean Todt ha voluto solo ironizzare su tale proposta oppure faceva sul serio? Sicuramente il numero uno di place de la Concorde spera che l’ex Ferrari possa continuare a correre in F1: “Bisogna essere più ottimisti, Sebastian è uno dei grandi talenti dell’automobilismo”.

Secondo le ultime dichiarazioni di Todt, rilasciate in un’intervista ai microfoni di Sky Sport, Sebastian Vettel avrebbe tante altre opportunità dopo il 2020. Il francese augura il meglio al tedesco e la scuderia che lo ingaggerà sarà molto soddisfatta.