GT WCE, boss Wrt difende Valentino Rossi: “Non ha colpa”

17° posto finale per Valentino Rossi e il team Wrt nella prima gara 2022 del Fanatec GT WCE sul circuito di Imola.

Valentino Rossi (Instagram)
Valentino Rossi – Motori.News

Valentino Rossi ha fatto il suo esordio nel Fanatec GT WCE sul circuito di Imola. L'”effetto Dottore” è risultato subito evidente a livello mediatico, con l’Autodromo Enzo e Dino Ferrari che ha venduto i 5000 biglietti a disposizione per la gara endurance di domenica. Un numero ristretto per motivi burocratici, ma intorno alla pista emiliana si sono assiepati anche tantissimi fan senza biglietto dietro le reti di recinzione.

Grande attenzione mediatica anche da parte dei giornalisti, 150 quelli accreditati e molti che hanno visto respinta la richiesta. Diretta TV su Sport Action e tanti interventi nel corso del week-end, anche a cavallo del Gran Premio di MotoGP che si correva a Termas de Rio Hondo. Valentino Rossi ha saputo dare una grande boccata di ossigeno a questo campionato in lieve affanno di popolarità. Il 43enne di Tavullia è un jolly che tanti circuiti europei potranno giocarsi in questa stagione, ma a colpire è anche la grande affluenza di amministratori delegati di varie aziende che hanno richiesto accesso al paddock di Imola.

Valentino Rossi paga caro l’errore ai box

Valentino Rossi (Instagram)
Valentino Rossi – Motori.News

Come avvenuto nel corso della sua lunga carriera nel Motomondiale, il campione attira attenzione, ma anche sponsor, quindi soldi nelle casse del GT WCE. Quindi il primo obiettivo è stato sicuramente centrato. In attesa di risultati migliori in pista, perché la prima uscita ufficiale con l’Audi R8 GT3 del team Wrt si è rivelata un po’ deludente con il 17° posto finale. Tutto colpa di un errore di Valentino Rossi che, al rientro in pit lane, ha perso il riferimento del suo box e ha quindi compiuto un giro a vuoto facendo perdere molto tempo alla sua squadra.

Un errore che può starci per un debuttante nelle corse automobilistiche. Del resto non basta spingere sul gas per primeggiare nel motorsport. “Tanta confusione con molte macchine e purtroppo mi sono perso i box. Questa è questione di esperienza“, ha commentato al termine della 3 Ore di Imola. La squadra di Vincent Vosse difende il suo pilota italiano indicando l’errore come una quasi routine, specialmente quando in pit-lane rientrano molte macchine contemporaneamente. “Non ha nessuna colpa per il problema del pit stop, dovremo esaminare l’accaduto, ma può accadere quando rientrano tutti insieme nella corsia box“.

Valentino Rossi non nasconde una certa delusione per l’accaduto, ma non perde il buon umore al termine della gara endurance: “Mi sono goduto ogni momento, in gara sono andato forte, ma purtroppo c’è stato un errore al pit stop e dovremo imparare. Devo fare i conti con tante novità nelle gare GT… E’ una questione di esperienza“.