Ho messo insieme le migliori statistiche di questa supercar da 720 CV.

Fonte | Flickr

1 – Mantiene la sterzata elettroidraulica
Anche se la Ferrari, la Jaguar e la Porsche hanno adottato completamente il comando elettrico, McLaren afferma che i guadagni nell’efficienza EPAS sono troppo piccoli per giustificare la perdita di connettività. Chris Goodwin afferma che il set-up elettroidraulico nella 720S offre tutta la sensazione e la linearità del 675LT, con alcune piccole modifiche per un ulteriore comfort. Questa è una buona notizia.

Fonte | Flickr

2 – L’ala ha una modalità DRS
Il retrotreno della 720S funziona in tre modalità principali. Spingendo il pulsante aero, il pilota ottiene il 70-80% di distribuzione ulteriore dell’aria sull’ala posteriore a seconda di quanto velocemente sta andando, c’è una funzione DRS che offre il 30% di distribuzione in più per la stabilità ad alta velocità (ma va a inficiare sul trascinamento) e il 100% di distribuzione per frenare ad alta velocità.

Fonte | Flickr

3 – Ha un stereo speciale.
Il sistema audio standard della 720S è stato creato con JVC Kenwood. È stata infatti Kenwood, a memoria, che ha sviluppato il lettore CD per la McLaren F1, per cui ci sono un sacco motivazioni a rimanere lo standard per questo tipo di automobili.

È anche possibile installare un elemento Bowers & amp; Wilkins, una bellezza da 1280 watt progettata da zero, partendo dalla prima linea di codice, un impianto audio nuovo di zecca. Utilizza fibre di carbonio, Kevlar e neodimio, ed è il sistema audio più leggero mai visto su una McLaren. Che, di conseguenza lo rende il più leggero e potente sistema audio mai visto su qualsiasi cosa muoversi.

Fonte | Flickr

4 – L’elenco degli optional è un vero campo minato
Quando si tratta di statistiche pazzesche, la lista degli optional di McLaren produce alcune “infarti” da portafoglio, ma non solo. Ci si può sbizzarrire su quanta fibra di carbonio avere – suddivisa in tre categorie differenti e ricoprendo prese d’aria anteriori e posteriori, specchietti esterni, splitter anteriori e tetto – questo alla modica cifra di 20.800 €. Ma magari hai voglia di montare anche un diffusore posteriore in fibra di carbonio, un ponte posteriore MSO (McLaren Special Ops) e una copertura per il motore? Tranquillo, per altri 17000 € sono tuoi.
Vuoi ancora più fibra di carbonio dentro? Tutti i pannelli interni, il pannello a sospensione, il sedile posteriore, l’interruttore dei finestrini, il volante e la lunetta del display a 16.500 €. L’app per la telemetria viene € 2500. I sensori di parcheggio invece € 1160. Il configuratore online di McLaren è un ottimo modo per uccidere il tempo in un caldo pomeriggio di noia…

Fonte | Flickr

5 – I freni sono veramente buoni
La 720S si ferma con precisione ballistica. Da 100km/h, si ferma in 29,7m e 2,8 secondi, da 200km/h necessita di soli 117m e 4,6 secondi e da 300km/h le bastano 260m in 6,9 ​​secondi.

Fonte | Flickr

6 – Ha porte intelligenti
A differenza della Ferrari 488 GTB e di altre vetture con motore centrale, la McLaren 720S non ha alcun intaglio ai lati della carrozzeria. Le porte hanno una doppia “pelle” di vernice aerodinamica che convoglia l’aria nei radiatori che raffredda il motore.

Grazie all’angolo di apertura di 80 °, salire e scendere da questa macchina diventa insolitamente facile. Il direttore della linea veicoli Haydn Baker, ha affermato:

“Da un punto di vista puramente meccanico, le porte sono state una sfida enorme per noi. Abbiamo avuto il nostro equivalente di una squadra SWAT sulla loro progettazione per due anni.”

(NB: malgrado le porte scolpite che si innalzano verso l’alto, la 720S dispone ancora di apposite bacheche a incasso. Non c’è rischio che si sgancino perché sono assolutamente bloccabili.)

Fonte | Flickr

7 – Drifting
La 720S dispone di un controllo di deriva variabile che permette al guidatore di scegliere il controllo di trazione che preferisce e limitare così il grado di sovraccarico prima di finire fuori strada o di spaccare qualche pezzo di fibra di carbonio passando attraverso una siepe.
È possibile decidere quanto debba essere estremo l’angolo di scivolamento orizzontale, infatti è possibile modificarlo attraverso un cursore che mostra l’atteggiamento dell’auto con delle simulazioni sullo schermo. Il software di controllo è tutto lavoro di McLaren, questo ci suggerisce che in questo reparto IT in caso di guasto nessuno verrà a chiederti se ‘hai provato a spegnere e riaccendere nuovamente l’auto…’.

Fonte | Flickr

8 – Degli studenti hanno fatto le sospensioni, o almeno una specie.
La 720S ottiene una versione aggiornata del Proactive Chassis Control di McLaren, che unisce nuovi hardware a sospensione con un nuovo software per garantire la conformità senza compromettere il controllo dell’auto al limite.

La scienza qui è incredibilmente avanzata: un team di studenti di matematica dell’Università di Cambridge, sponsorizzati da McLaren, ha sviluppato una “Teoria ottimale di controllo” che utilizza algoritmi per misurare e valutare le forze agli ingressi da freni, accelerazione, accelerazione e avanzamento, prima di giocare con i dati. I numeri sono stati raccolti attraverso degli accelerometri posizionati in ciascuna ruota e due sensori di pressione per ogni ammortizzatore – per assicurare la zona di contatto ottimale per i quattro pneumatici.

Non cambia nulla se l’automobile è in modalità Comfort, Sport o Track. Impiega comunque circa due millisecondi per adattarsi alla situazione di guida. In effetti, questa non è una risposta in tempo reale, è quasi anticipatoria. O forse telepatica.

Fonte | Flickr

9 – Il motore è nuovo del 41%
Come accennavo in quest’altro articolo, il motore da 4 litri della 720S è stato ri-progettato per il 41 per cento dei suoi componenti . Tutto è stato ridisegnato: pistoni, l’albero a camme e le bobine sono tutti più leggeri. Come le turbine nel twin scroll, turbine a bassa inerzia; Possono arrivare fino a 160.000 giri / min, per una migliore reattività e potenza.