Dopo la due ultime vittorie al Gran Premio di Misano e quello di Aragon, Marc Marquez punterà la gara della Thailandia per la conquista dell’ottavo titolo mondiale in carriera. La MotoGP si sposterà in Asia, precisamente in Thailandia sul circuito di Buriram, per dare il via al 15 esimo appuntamento stagionale in programma dal 4 al 6 ottobre. La classe regina ha ormai raggiunto la fase finale della stagione 2019, e con molta probabilità questa parte di Motomondiale ci regalerà tantissime emozioni. Inizierà, infatti, il tour asiatico composto da ben quattro gran premi prima dell’ultimo appuntamento di Valencia, in Spagna.

Marc Marquez arriva il primo match point

La tappa di Buriram è molto importante per ‘El Cabroncito’, infatti, qualora dovesse vincere si laureerebbe campione del mondo con ben 5 gran premi di anticipo. Per lo spagnolo della Repsol Honda sarebbe l’ottavo successo in carriera ed il sesto in MotoGP. Attualmente il campione iridato in carica è a quota 300 punti in classifica piloti davanti a Andrea Dovizioso (202) di 98 punti e ad Alex Rins a quota 156 punti. Valentino Rossi, invece, occupa la sesta posizione a quota 137. Per la conquista del titolo iridato Marc Marquez dovrà chiudere davanti al pilota forlivese della Ducati ufficiale, che mantiene lo spagnolo ancora matematicamente in gioco.

Queste a seguire sono le dichiarazioni rilasciate da Marc Marquez in una recente intervista, in cui ha parlato del prossimo Gran Premio di Thailandia. Ecco quanto riportato da ‘motorionline.com’:

“Abbiamo trascorso un magnifico weekend ad Aragon ed è stato un piacere vincere davanti al pubblico di casa. Voglio portare questa fiducia ed energia in Thailandia così da poter trascorrere un buon fine settimana. Il nostro approccio non cambia, faremo il nostro lavoro per essere il più forti possibile per la gara e giocarci la vittoria. L’anno scorso abbiamo fatto una gara molto eccitante qui in Thailandia, quindi spero di poter dare un altro bello spettacolo ai fan!”.

Al campione del mondo in carica Marquez bastano solamente due punti per festeggiare anche la conquista del titolo 2019, salvo eccezioni. Dunque i festeggiamenti sono pronti. D’altro canto Andrea Dovizioso, malgrado un secondo posto oramai più che confermato, farà di tutto per cercare di mettere il bastone fra le ruote allo spagnolo e per confermarsi per la terza volta consecutiva vice-campione del mondo. Il terzo posto, invece, sembra essere conteso tra il pilota Suzuki Alex Rins (vera rivelazione dell’anno) e Danilo Petrucci l’altro ducatista ufficiale. Tra loro li separa solamente 1 punto. Quanto ai rookie c’è grande lotta tra Fabio Quartararo (pilota Yamaha Tech 3), Jack Miller (su Ducati Pramac) e Cal Crutchlow (su Honda Lcr). Il britannico Miller attualmente dista solo 6 lunghezze dal talento francese.