Ormai è giunto il tempo di abbassare la saracinesca per Marco Melandri. Per il pilota della GRT Yamaha nel campionato World SBK è arrivata l’ora di salutare. Dopo l’annuncio dello scorso luglio il pluricampione classe ’82 è stato protagonista per l’ultima volta in Qatar disputando le ultime gare ufficiali con la categoria delle derivate di serie. Dopo un’eccellente carriera (durata ben 20 anni) nel motorsport il pilota italiano, campione del mondo della classe 250 nel 2002 e vincitore di 22 successi in SBK, si ritira definitivamente dalle corse.

Queste le toccanti dichiarazioni rilasciate da Marco Melandri al termine dell’ultima ed emozionante gara disputata sul circuito di Losail, in Qatar. Ecco quanto riportato da ‘motorionline.com’:

È sempre particolare prendere parte all’ultima gara della carriera e non sono soddisfatto dei risultati raggiunti. È stata una stagione difficile, non sono mai riuscito a trovare un buon feeling con la moto. Ho fatto del mio meglio, è bello ora ricevere i saluti da così tanti amici e dai colleghi al termine di una lunga carriera. Ne sono orgoglioso, ora ho bisogno di staccare un po’ dalle gare e magari tra qualche anno proverò a far partire un nuovo progetto in questo ambiente. Un grazie va alla squadra, spero di essere stato loro di aiuto con la mia esperienza in quella che è stata la prima stagione nel WorldSBK per il team e auguro loro il meglio in questa categoria”.

La carriera di Marco Melandri

Melandri ha debuttato nel mondiale della classe 125cc nel 1997 correndo a soli 15 anni il Gran Premio della Repubblica Ceca. Qualche mese più tardi diventa riceve la nomina come pilota più giovane ad aver vinto un Gran Premio all’età di 15 anni. Tale record è stato mantenuto da Marco per un bel po’ di tempo, poi con il passare degli anni sono subentrati Scott Redding e Can Oncu. In questa categoria del motomondiale ha ottenuto 5 vittorie e 9 podi, sfiorando anche la vittoria del titolo iridato per 1 sol punto di distacco. Nel 2000 Marco Melandri ottiene il passaggio nella categoria 250cc. Al termine della stagione ha ottenuto 4 podi fino ad arrivare alla vittoria nel 2001. Nel 2002 si laurea campione del mondo in classe 250cc grazie soprattutto ai 6 successi consecutivi.

Il debutto in MotoGP

Dopo la 250 il campione nativo di Ravenna ottiene il meritato passaggio nella prestigiosa categoria MotoGP. La stagione successiva Melandri ottiene il suo primo podio in classe regina in sella alla Yamaha. Nel 2005 passa sulla Honda e si classifica secondo alle spalle del connazionale Valentino Rossi. Dal 2005 al 2010 ha corso su Honda, Kawasaki e Ducati, ottenendo diversi podi. Nel 2011 passa nel World SBK, categoria delle derivate di serie. Con il passaggio in questa categoria ottiene su Yamaha 4 vittorie e 15 podi posizionandosi alle spalle del campione mondiale Carlos Checa.

Nel 2012 passa con la BMW ottenendo 6 vittorie, ma una caduta subita nella penultima gara della stagione non gli ha concesso la lotta al titolo mondiale. Difatti, ha chiuso secondo alle spalle di Max Biaggi. Nel 2014 Marco passa su Aprilia ottenendo 6 vittorie e chiudendo quarto in classifica. Nel 2017 corre per due anni con il team Aruba Racing e ottiene 3 successi e 23 podi in sella alla Ducati Panigale R. Nel 2019 si apre per Melandri un nuovo ed ultimo capitolo della sua carriera con il team GRT Yamaha sempre in SBK. Quest’anno Marco ha ottenuto 3 podi e solo dopo la gara del Qatar ha deciso ufficialmente di appendere il casco al chiodo.