Max Biaggi uno dei più grandi talenti che il mondo del motociclismo ha mai avuto. Il romano di nascita ha vinto 4 mondiali nella classe 250, ha disputato 215 gare tra cui 42 vinte, inoltre è stato protagonista di molte lotte con l’altrettanto campionissimo Valentino Rossi.

Ora la sfida per Max non è più battere a tutti i costi Valentino, ma è raggiungere e superare record di velocità. Nello scorso novembre, nove mesi fa, ha abbattuto il muro dei 408 km/h in sella ad una moto elettrica. La moto era una Voxan Wattman casa specializzata nella costruzione di due ruote alimentate a batteria da grandi prestazioni.

Nel novembre passato ha battuto ben 11 record, questa volta vuole concorre nella categoria sotto i 300 kg puntando ad abbattere ancora più record, tutto entro la fine dell’anno.

Nuova moto migliorata nel peso, grazie ad una batteria più leggerà e migliore nell’aereodinamica, fondamentale alla modica velocità di 400 all’ora.

“Non posso credere al lavoro che abbiamo fatto in pochi mesi. Lo scorso novembre ci chiedevamo se saremmo riusciti a raggiungere i 400 km/h, ma ora quella velocità è solo il punto di partenza per il nostro lavoro! È al di là di quel valore fondamentale che stiamo imparando e progredendo. Con la nostra motivazione, lo spirito di squadra in Voxan e la nostra fame di eccellere, non ho alcun dubbio che ce la faremo” così dichiara Max Biaggi.

La location ancora non è stata definita, però date le dimensioni di questo record ci vuole sicuramente uno spazio molto esteso come la pista dell’aeroporto di Châteauroux in Francia dove si è svolto l’anno scorso. Forse lo vedremo sulla distesa salata in Bolivia, location dove si doveva svolgere anche la prima prova, ma date le condizioni di coronavirus si è scelto di restare in Francia, o chissà in quale altro posto.

La Venturi/Voxan non è l’unica casa che vuole raggiungere il record prima possibile, la concorrenza si fa sempre più dura vedendo entrare in gioco anche la White Motorcycle Concepts con la sua WMC250EV. Quindi non resta che aspettare sperando l’italiano riesca a vincere anche questa sfida.