marty-smith-nancy

In questo periodo difficile giunge un’altra triste notizia che colpisce il mondo delle due ruote. In un fatale incidente in Sud California a bordo di una dune buggy hanno perso la vita Marty Smith, famosa leggenda americana del motocross, e sua moglie Nancy Sauer. Per il momento la dinamica del forte schianto non è stata ancora costruita. Il mezzo su cui si trovava la coppia si è purtroppo ribaltato in seguito ad un salto su una duna. Malgrado i primi soccorsi giunti da amici e da alcuni presenti sul luogo dell’impatto, non c’è stata speranza per il campione morto sul colpo a 64 anni. Fatale è stata la sorte anche per la moglie Nancy trasportata in ospedale, ma deceduta subito dopo per le gravi ferite subite nell’incidente. I coniugi Smith lasciano i tre figli Jillyin, Brooke e Tyler e i nipoti.  

Marty Smith e la moglie Nancy morti in un grave incidente, l’accaduto

Il giorno 27 aprile il campione del cross americano si trovava a bordo di una dune buggy (ossia un’automobile destinata alla marcia sulla sabbia) in compagnia della sua storica moglie Nancy. Durante il tragitto l’imprevisto che è costato la vita ai coniugi. Dopo aver saltato una duna il mezzo è precipitato giù dalla collina. Marty Smith è morto sul colpo e non indossava nemmeno una cintura di sicurezza. Quanto alla moglie, che invece indossava l’imbracatura addominale, ha riportato ferite gravi a tal punto che la corsa in ospedale è stata vana.  

Incidente Marty Smith, le dichiarazioni dei presenti

Il racconto sul tragico incidente mortale di Marty e la moglie Nancy, giunge direttamente da Lee Ramage, migliore amico del campione di motocross presente sul luogo dell’accaduto. Queste sono le sue dichiarazioni riportate da ‘fanpage.it’:

“È con il cuore più pesante e addolorato che devo dirvi Marty e Nancy Smith sono morti ieri in un incidente per il ribaltamento del loro dune buggy contro le dune di sabbia. Abbiamo trascorso almeno un’ora a cercare di salvare la vita prima che arrivassero i primi soccorritori. Marty ha dato l’ultimo respiro mentre gli tenevo la testa, era il mio migliore amico e ho provato con tutto me stesso a salvargli la vita. Per favore Dio tieni i loro figli Jillyin, Brooke e Tyler e i nipoti nelle tue preghiere”.

L’icona del cross americano lascia un grande vuoto e dolore a tutto l’ambiente delle due ruote. Marty Smith era anche membro dell’AMA Motorcycle Hall of Fame. In sella alla Honda è riuscito a conquistare il secondo, terzo e quarto mondiale AMA National Motocross negli anni ’70. La leggenda di San Diego vanta successi nelle tre classi AMA Motocross (125, 250 e 500cc), e anche Supercross 250cc, Trans AMA 50cc e nel mondiale Motocross 125cc FIM.

R.I.P