gp-jerez-motogp

Fino a qualche giorno fa non era trapelata alcuna notizia, ma solo alcune indiscrezioni relative a quando sarebbe iniziato il mondiale 2020 di MotoGP. Mercoledì scorso, 7 maggio, si è tenuto un meeting definitivo per stabilire la data del primo Gran Premio stagionale. Dall’incontro, in cui erano presenti Juan Marin (vice presidente del Governo dell’Andalusia e ministro del Turismo), Mamen Sanchez (sindaco di Jerez) e Carmelo Ezpeleta (amministratore delegato di Dorna), si è deciso di correre la prima gara il prossimo 19 luglio a Jerez de la Frontera (in Spagna).

E’ stato proprio Juan Marin a rendere pubblica e ufficiale questa notizia. Ecco le sue dichiarazioni riportate dai colleghi di ‘formulapassion.it’:

“Abbiamo raggiunto un accordo per la disputa di due prove del Motomondiale e una della Superbike, a partire dal 19 e 26 luglio. Da questo momento tutto è nelle mani del Governo spagnolo, per predisporre tutte le azioni necessarie a garantire la sicurezza di tutti i partecipanti. Si tratta di una notizia grandiosa, e vogliamo ringraziare il Consiglio comunale di Jerez per gli sforzi compiuti a livello organizzativo e la Dorna per aver riposto tanta fiducia in noi”.

A quanto pare, durante l’incontro, è stato firmato un accordo d’intesa tra le parti, affinché venissero disputati sul tracciato spagnolo i primi due Gran Premi della stagione 2020 di MotoGP. Le due gare saranno disputate in due settimane di fila, precisamente in programma il weekend del 17-19 e quello del 24-26 luglio. Non solo per la classe regina, ma è giunta una novità anche per quanto riguarda il campionato delle derivate Superbike. Si è deciso, infatti, di correre una gara sempre a Jerez il 2 agosto.  

MotoGP in partenza, il piano della Dorna

Dopo l’emergenza sanitaria Coronavirus che ha colpito e continua a persistere in ogni parte del mondo, arriva una buona notizia per tutti i tifosi ed appassionati del Motomondiale. La classe regina, infatti, inizierà la stagione 2020 disputando le prime due gare sul circuito di Jerez a fine luglio. Questo sarebbe il piano iniziale della Dorna, così da far prendere forma ad un calendario composto da circa 10-12 gran premi da correre sui tracciati europei. Oltre al circuito andaluso, si sta discutendo anche per far disputare altre due gare sul tracciato di Barcellona, sempre in due weekend consecutivi.

Ovviamente le gare si disputeranno rigorosamente a porte chiuse, quindi senza la presenza di pubblico sugli spalti e, inoltre, con un numero ridotto dello staff tecnico per ogni team. La principale difficoltà sarebbe quella di portare a Jerez tutto lo staff del paddock che risiedono fuori dai Paesi europei. Ad ogni modo, se le prime gare del 19 e 26 luglio dovessero essere ufficializzate, ci sarà il tempo utile per far fronte a questa delicata situazione.