cal-crutchlow-honda

Un po’ di tempo fa Cal Crutchlow, pilota LCR Honda in MotoGP, aveva dichiarato di volersi ritirare a fine stagione 2020, ma a quanto pare la sua più grande motivazione è quella di continuare a correre. Il 34enne britannico, che sta trascorrendo la quarantena insieme alla sua famiglia, tramite un video ha voluto parlare del suo futuro.

Per quanto riguarda il periodo di isolamento nella propria abitazione, Crutchlow sostiene di vivere una situazione strana e anche quella di dover stare a casa, con il campionato MotoGP che non si sa ancora quando inizierà. Il pilota della Honda sta continuando ad allenarsi e stare insieme a sua moglie e sua figlia rende tutto molto meraviglioso per lui che è abituato ad essere sempre in viaggio.

Crutchlow e le dichiarazioni sul futuro

Nel videomessaggio Cal Crutchlow ha parlato anche della stagione 2020, ancora in attesa di partenza a causa delle restrizioni imposte per l’emergenza sanitaria Coronavirus, e di ciò che sarà del suo futuro. Secondo il pilota della LCR Honda la sua situazione è simile a quella della maggior parte del paddock. Ora come ora non si sta correndo, ma non appena si potrà tornare a competere in campionato, vorrà sedersi a tavolino e parlare con la Honda per quanto riguarda il suo futuro. Fino ad oggi, prosegue Cal, può ritenersi felice e soddisfatto del lavoro svolto dal suo team e dalla scuderia alata negli ultimi anni. Quando sarà il momento più opportuno vorrà discutere anche con altri team del Circus.

Crutchlow ha ancora molto da dare in MotoGP

Secondo le dichiarazioni rilasciate dal pilota della LCR Honda, la sua volontà oltre ad essere quella di continuare a correre anche nel 2021, vorrebbe anche passare dal team di Lucio Cecchinello (con lui da 6 anni) ad un’altra squadra. Bisognerà, però, capire il tipo di offerta che gli farà la Honda per continuare a farlo correre nel loro team. Per il momento il britannico sa molto bene cosa vuole fare e quanto vorrà ancora dare alla MotoGP, si sente pronto a combattere. Il pilota conferma che lo scorso anno aveva dichiarato di voler appendere il casco al chiodo a fine stagione 2020, ma in realtà ora più che mai la sua motivazione nel proseguire è molto più alta del previsto.