MotoGP, Ducati sperimenta… Ma così non è troppo? La strana novità sulle Rosse

A Ducati, anzi a Gigi Dall’Igna in particolare, piace sperimentare. Ecco un dettaglio davvero curioso su alcune Rosse. 

ducati-pramac-martin-motogp
Esperimenti Ducati – MotoriNews

È iniziato il Gran Premio a Silverstone, il Mondiale MotoGP ha riacceso i motori dopo la lunga pausa estiva. La notizia che piloti e team (e tifosi) aspettavano con ansia, il tracciato britannico si è riempito di suoni per la prima giornata di attività. Prove libere in archivio con Johann Zarco (Ducati) al comando nelle FP1, ingrana la marcia invece Fabio Quartararo (Yamaha) nelle più veloci FP2 del pomeriggio. Ma c’è tempo anche per aggiornamenti e qualche esperimento. Come quello che s’è visto sulla Ducati guidata da Enea Bastianini, un dettaglio piuttosto… particolare!

L’ultima novità

Dopo l’ottima partenza di campionato, il pilota del team Gresini ha fatto un po’ il passo del gambero. Tanti errori in chiusura della prima parte di campionato, tanto da farlo scivolare piuttosto indietro. Ducati però non gli toglie fiducia, anzi Bastianini rimane protagonista nel ballottaggio con Martin per il posto attualmente di Miller. Oltre al fatto che si sono visti alcuni esperimenti firmati Ducati nel team guidato da Nadia Padovani. Come quello appunto intravisto nella prima giornata di prove libere a Silverstone. Sul posteriore della Desmosedici sono comparse delle curiose pinne rosse, una novità mai vista prima.

pinne-ducati-bastianini-motogp
La curiosa novità sulla Ducati di Bastianini – MotoriNews

Nella foto in basso invece ecco il dettaglio per Zarco e Martin. Che dite, non sarà troppo come evoluzione? Certo è un dettaglio che non è passato inosservato… Discorso valido ormai per qualsiasi idea sperimentata dalla mente vulcanica di Gigi Dall’Igna.

aero-martin-ducati-instagram
Sulla Ducati di Martin – MotoriNews

Ducati all’attacco

A Borgo Panigale si continua a giocare, a rimescolare le carte, a sperimentare… Alla ricerca sempre del dettaglio perfetto che faccia la grande differenza. Da mettere in pratica poi dalla folta truppa schierata per dare l’assalto al titolo MotoGP, quel qualcosa che manca dal 2007. La battaglia si svolge anche a colpi di tecnica, poi però serve dare gas ed essere costanti. Il secondo aspetto è purtroppo mancato a Pecco Bagnaia, che ha fatto più volte mea culpa in questo senso. Dopo la prima giornata a Silverstone le Ducati in top ten sono quattro: precisamente quelle guidate da Johann Zarco, Enea Bastianini, Jack Miller e dall’esordiente Marco Bezzecchi. Bagnaia invece sarebbe il primo degli esclusi… Domani nelle prove libere 3 servirà il guizzo per la Q2 diretta, il #63 non può permettersi di perdere il treno.