Foto di Repertorio, Max Biaggi nella stagione 2015 nel team SBK Aprilia.

Negli ultimi giorni circola una clamorosa indiscrezione, che potrebbe realmente avverarsi. Si tratta di una folle idea, di un sogno che lascerebbe tutti di stucco. A quanto pare, in vista della prossima stagione di MotoGP 2020, l’ex pilota Max Biaggi potrebbe diventare un pilota Aprilia e sostituire Andrea Iannone, sospeso per presunto doping. All’età di 48 anni (49 a giugno prossimo), l’ex campione romano potrebbe fare incredibilmente ritorno in classe regina.

Caso doping Andrea Iannone

Il pilota di Vasto è stato sospeso momentaneamente dalla Federazione Internazionale di Motociclismo per essere risultato positivo ad un controllo antidoping effettuato dalla World Anti-Doping Association durante i controlli di rito successivi al Gran Premio di Sepang lo scorso 3 novembre 2019. Nel campione analizzato è stata rilevata la sostanza 1.1.a del regolamento che conduce a steroidi anabolizzanti androgeni di provenienza esogena (AAS). Successivamente dopo le smentite di Andrea Iannone è giunta la conferma delle controanalisi che hanno evidenziato la positività del pilota e, per questo motivo, la FIA farà scattare la sua sospensione da ogni tipo di gara o attività fino a data da destinarsi. Dunque resterà fuori anche dai prossimi test pre-stagionali di febbraio.

Biaggi subentrerà provvisoriamente a Iannone?

Dopo la conferma della positività di Iannone l’Aprilia si è trovata dinanzi un macigno pesante, ossia quello di trovare presto un pilota che sia veloce e abbia esperienza, e da accostare nel team insieme a Aleix Espargarò e al collaudatore Bradley Smith. Dunque si è pensato ad un “azzardo” che porta il nome di Max Biaggi. Il romano già fa parte della Casa di Noale come testimonial, per giunta ha esperienza da vendere ed è ancora veloce. Il pilota stesso negli ultimi giorni ha rilasciato alcune dichiarazioni sui profili social personali, dicendo:

“Riflettevo sul fatto che, a distanza di anni, quando salgo in moto (come pochi giorni fa in Malesia) mi diverto come un matto! Purtroppo è una condanna la mia: sono ancora maledettamente veloce. Occhi puntati verso il futuro.

Insomma considerate le pretese dell’Aprilia e la determinazione di Biaggi, potremmo già vedere il cinque volte iridato in sella alla moto nelle vesti di tester, in vista dello shakedown del 2-4 febbraio 2020 in Malesia. Certo sotto l’aspetto tecnico e di marketing il marchio veneto metterebbe a segno un gran bel colpo.  

Pare sia giunta anche la conferma da parte di Romano Albesiano, direttore tecnico Aprilia, il quale ha lasciato ben pensare durante un’intervista ai microfoni del sito ‘GPOne.com’. Secondo il direttore Max Biaggi è così grande che sarebbe un piacere vederlo ovunque, in Aprilia, e sarebbe molto bello vederlo correre su una MotoGP. In seguito al grave incidente che ha subito il romano con il motard non voleva più salire in sella ad una due ruote, ma solamente pochi giorni fa l’ex pilota era molto carico e motivato. Secondo i vertici di Noale l’utilizzo di Biaggi potrebbe essere una concreta possibilità, insieme al giovane ex SBK Savadori.