Anche durante lo stop forzato, a causa dell’emergenza sanitaria da Coronavirus, il mercato piloti non si è mai fermato. Tanti i colpi di scena e le novità in vista della prossima stagione 2021 di MotoGP. Negli ultimi giorni sono giunte interessanti indiscrezioni relative al futuro di Valentino Rossi. Il nove volte campione del mondo è accostato da tempo al team Yamaha Petronas SRT con il quale, secondo le ultime voci, dovrebbe firmare un contratto biennale fino al termine del 2022.

Il campione di Tavullia, secondo alcune fonti interne, dovrebbe firmare un accordo di un anno più l’opzione per il 2022. Stando alle ultime indiscrezioni giunte dal noto quotidiano la ‘Gazzetta dello Sport‘, il pilota 41 enne potrebbe essere annunciato con Yamaha Petronas già durante il weekend di gara di Jerez 17-19 luglio. Tanti sono i tifosi del pesarese e appassionati di MotoGP che sono in attesa di un annuncio e, sapere che il proprio beniamino correrà ancora fino alla veneranda età di 43 anni, può solo che farli esultare di gioia.

All’inizio delle voci di mercato erano sorti diversi intoppi tra Valentino Rossi e Razlan Razali, team manager Petronas SRT. Quest’ultimo, infatti, aveva classificato il ‘Dottore’ come un pilota ormai ‘vecchio’ e che non sarebbe stato in linea con la politica del team satellite, che punta sui giovani. Dopo le ultime indiscrezioni, però, le cose sembrerebbero essere cambiate.

Il pesarese, prima che il campionato 2020 iniziasse, è molto attivo con gli allenamenti sia sulle due che quattro ruote, dividendosi tra il suo ranch e le piste come il Mugello e San Marino. Secondo il numero 46 il pensiero di poter tornare a correre, dando uno sguardo al nuovo calendario, lo ha emozionato a tal punto da non vedere l’ora di scendere in pista e andare a tutto gas con la voglia di un ragazzino.

Le dichiarazioni di Valentino Rossi

Queste a seguire sono le parole del pilota di Tavullia, riferendosi all’inizio della nuova stagione 2020 che inizierà la prossima settimana. Ecco quanto riportato da ‘soldoutjournal.it’:

Aver visto il calendario della nuova stagione mi ha emozionato, credo sia stato così per tutti. È stato un grande sollievo per team e tifosi. Il lockdown è stata una situazione delicata e strana, ma ha funzionato e mi ha fatto apprezzare ancora di più le corse. Mi mancava molto la mia Yamaha M1. Sarà interessante vedere il nostro livello, è passato un po’ di tempo dall’ultimo test. Proveremo di sicuro a dare il massimo per essere di nuovo davanti a tutti e dare ai nostri fan un motivo per seguirci e tifare per noi”.

Dunque si tratta solo di voci di corridoio, nulla di ufficiale. Quasi sicuramente il nuovo contratto di Valentino Rossi con la Yamaha Petronas sarà biennale quindi un anno più l’opzione del secondo fino al 2022. Ma una cosa è certa, che il pesarese anche a 41 anni vuole ancora dire la sua e tutto questo certamente non spaventa una roccia come lui.