MotoGP: Honda ha una carta in più accanto a Marquez ed Espargaro

MotoGP a Jerez nei prossimi giorni. Honda cerca il passo in più con il suo collaudatore accanto ai piloti ufficiali. 

stefan-bradl-honda-motogp
Stefan Bradl – MotoriNews

Motomondiale prossimo al sesto appuntamento della stagione 2022. Si va a Jerez de la Frontera, HRC ha un obiettivo ben chiaro. La “Coppa Honda” vista a Portimao certo è stata divertente per i due fratelli Marquez, ma non ha soddisfatto né i quattro piloti né i vertici dell’Ala Dorata. La rivoluzionaria RC-V 2022 a quanto pare non è ancora quella buona moto che si pensava, serve lavorarci ancora parecchio per portarla in alto. Per questo ci sarà un quinto pilota in azione per il Gran Premio di Spagna, nientemeno che il collaudatore Stefan Bradl per analizzare i dati dei quattro piloti ufficiali. Serve un passo avanti e la casa giapponese schiera quindi tutte le sue carte per riuscirci.

Ancora non basta

“Non siamo qui per lottare per il sesto posto.” Marc Marquez è stato piuttosto chiaro alla fine dell’appuntamento in Portogallo. Per lo stesso pluricampione MotoGP quindi la nuova Honda si rivela più difficile del previsto da gestire. La lotta col fratello minore è stata bella ed intensa, ma il #93 vuole lottare per il titolo. E ancora non ha fatto vedere un guizzo utile per renderlo tra i favoriti per questo obiettivo. È già stato un inizio 2022 in salita per il pilota di punta, ma anche per Pol Espargaro, Alex Marquez e Takaaki Nakagami. Un trio a caccia di un contratto per il 2022… Ma in generale Honda cerca la risalita in un periodo troppo lungo di magra.

Stefan Bradl wild card

Per questo ecco l’aggiunta di un pilota in più per il secondo appuntamento europeo dell’anno. Accanto ai piloti Repsol Honda e LCR c’è Stefan Bradl, già presenza quasi fissa nel box del team factory. Oltre ad aver già disputato il GP in Argentina in sostituzione di Marc Marquez, fermato da guai alla vista dopo il botto in Indonesia. Il suo apporto sarà essenziale per capire come muoversi per compiere gli importanti passi avanti necessari. Come detto, Honda vuole tornare a lottare prima per il podio, poi per la vittoria, infine per il titolo MotoGP. Ma tutti i suoi piloti hanno già evidenziato il ritorno di problemi che sembravano ormai risolti… A questo quindi servirà il lavoro di Stefan Bradl, secondo collaudatore in azione a Jerez assieme a Lorenzo Savadori, schierato nel team Aprilia per il secondo GP consecutivo dopo Portimao.