MotoGP, il flop clamoroso del Mugello e la minaccia del boss Dorna

L’evento MotoGP al Mugello è stato un fallimento inaspettato. Bisogna invertire subito la rotta, o addio GP mondiale…

motogp-mugello-flop-clamoroso
Mugello 2022, dov’è finito il pubblico? – MotoriNews

Si va verso il decimo Gran Premio della stagione MotoGP 2022. A metà quindi del percorso programmato per il Motomondiale in quest’anno solare. Tante tappe già in giro per il mondo, dal Sudamerica all’Asia, per poi tornare in Europa per il lungo periodo nel Vecchio continente. Tra questi GP c’è stato anche il primo round italiano, precisamente sul mitico Autodromo Internazionale del Mugello. Un circuito ricco di storia per un evento che si svolge da lungo tempo, una delle tappe più sentite ed attese nel calendario MotoGP. Eppure quest’anno è andata ben diversamente, anzi è stata un’amara delusione

Flop Italia

I numeri parlano chiaro. Finora l’appuntamento al Mugello è stato il peggiore dell’Europa come pubblico, meno della metà dell’ultimo round in Toscana nel 2019. Guardando a tutti i GP, è secondo solo alla tappa in Qatar, dai numeri storicamente sempre bassi. Per un evento così importante come il GP d’Italia è un fallimento clamoroso ed il CEO Dorna Carmelo Ezpeleta non lo nasconde. “È colpa un po’ nostra ed un po’ loro” ha ammesso in un’intervista a Motociclismo España, puntando il dito anche contro la F1. “La sovrapposizione col GP di Monaco. In Italia tutto ciò che riguarda la Ferrari è importante.” Può aver influito anche l’assenza di Valentino Rossi? La gente ha voltato pagina. Non vinceva più da anni e non è solo una questione italiana.” Cita altri esempi. “In Germania, pur senza piloti tedeschi, i biglietti vanno a ruba più del passato. Ad Assen idem nonostante Verstappen [in F1].”

Mugello in pericolo

Non ci sono quindi scuse sufficienti per gli spalti vuoti ed Ezpeleta inizia ad ipotizzare vari scenari differenti. “In Italia ci sono due GP perché hanno sempre avuto successo. Ma non esiste che arriva il campionato con Aprilia e Ducati in testa, con italiani capaci di vincere, e ci va meno gente.” Aggiungendo anche che “Non ha senso alternare quattro circuiti spagnoli, sempre pieni di gente, per uno in Italia senza pubblico.” Insomma, sembra che la tappa al Mugello sia in pericolo dopo il clamoroso flop dell’edizione 2022. Ma Carmelo Ezpeleta, prima di darla vinta, è alla ricerca di soluzioni per non perdere un evento storico per la MotoGP. “Bisogna fare un miglior lavoro di promozione ha rimarcato il boss Dorna. “Serve studiare la situazione e capire come possiamo aiutare.”