MotoGP: il fratello di Valentino Rossi stecca anche con la Ducati 2022

C’è qualcosa che continua a mancare. Il fratello di Valentino Rossi non brilla, nonostante sia passato alla Ducati più evoluta… 

luca-marini-valentino-rossi-motogp
Luca Marini – MotoriNews

Ci si aspettava già un salto di qualità, ma a quanto pare ancora non ci siamo. Luca Marini è uno dei cinque piloti Ducati (su otto in MotoGP) in sella alla versione più aggiornata della Desmosedici, ovvero la GP22. Ieri in qualifica è diventato uno dei sei piloti in rosso ad assicurarsi la top ten e quindi la sessione determinante per lottare per la pole position. Ma è stato anche quello che è mancato per quanto riguarda i piazzamenti. Martin, Miller, Bagnaia, Zarco e Bastianini (con la versione 2021) hanno monopolizzato le prime posizioni in griglia di partenza. Il fratellino di Valentino Rossi invece ha chiuso 11° e penultimo nella sessione finale delle qualifiche, peggior pilota con una Ducati GP22 che invece appare già piuttosto competitiva. Con gli altri però…

Distacco troppo alto

Anzi, è un divario abbastanza strano quello che è stato accusato da Luca Marini. Stiamo parlando di oltre un secondo dal poleman, un Jorge Martin scatenato in sella proprio ad una GP22, esattamente come l’italiano. Ma sorprende anche il divario di circa mezzo secondo accusato rispetto ad Enea Bastianini, che invece quest’anno ha a disposizione la Ducati GP21, ovvero la versione della scorsa stagione. Ricordiamo poi che il pilota di punta del team di Valentino Rossi è reduce da un GP argentino in cui scattava dalla prima fila, per poi procedere a passo di gambero… Chiudendo anche dietro al collega e rookie Marco Bezzecchi, lanciatissimo in rimonta ma pure lui in sella ad una Desmosedici dell’anno scorso. Che succede quindi?

“Non sono soddisfatto”

Un po’ di amaro in bocca quindi per ‘Maro’, che sembra continuare a riscontrare più problemi degli altri compagni di marca. “Non sono soddisfatto. Mi aspettavo di essere più vicino ai primi, il gap invece è ancora molto alto.” C’è qualcosa che manca, ma non è ben chiaro cosa. “Sulla moto non mi sento lento. Dobbiamo analizzare i dati e capire dove fare quel passo in più per la gara.” La top ten è fattibile? Questo è da vedersi: le cinque rosse davanti sono cariche, così come il campione in carica Fabio Quartararo e lo sceriffo di Austin, Marc Marquez. Quest’ultimo pure arrabbiato con se stesso per un ‘errore da principiante’, ovvero il conteggio sbagliato dei giri mancanti per puntare alla pole. Senza dimenticare le Suzuki, più molti altri… Il fratellino di Valentino Rossi deve farsi spazio, in questa stagione c’è anche il suo futuro in ballo.