Ci risiamo. È proprio il caso di scriverlo. Marc Marquez, dopo gli ormai famosi episodi del GP d’Argentina di due settimane fa, ci è ricascato. Il pilota della Honda, fresco di “rimproveri” da parte di quasi tutta gli addetti ai lavori, ma non solo, durante le qualifiche del GP di Austin, in Texas, si è reso protagonista di una manovra rischiosa che, purtroppo per lui, ha avuto conseguenze.

LA RICOSTRUZIONE

Marc Marquez, durante il suo giro di prova, era improvvisamente caduto in pista. Cose che possono succedere direte voi, ma è la scena successiva ad aver destati scalpore. Lo spagnolo, rialzandosi, non si accorge dell’arrivo di un altro pilota, Maverick Viñales della Yamaha, mettendogli il bastone tra le ruote. Una dimenticanza che, così, ha impedito al suo “collega” di far registrare il giro più veloce. Malgrado questo avvenimento, come se nulla fosse e dopo essersi preso insulti di Viñales (i due poi si chiariranno ndr), il numero 93 della Honda si è rimesso in sella, conquistando la pole position.

POLE ANNULLATA

L’ennesimo episodio controverso, però, non è andato giù alla direzione della MotoGP, che, come prevedibile, ha annullato la pole position di Marquez, retrocedendolo di tre posizioni in grigia. In prima fila, sulla pista di Austin, dunque, ci saranno Viñales, Iannone e Zarco, con Valentino Rossi in quinta posizione…accanto a Marquez.