MotoGP, riecco gli italiani! Frecce tricolori pronte al colpaccio in Catalunya

Due pole italiane stellari per le classi minori del Mondiale MotoGP. Forti segnali ai rivali, ora bisogna completare l’opera. 

celestino-vietti-vr46-catalunya
Celestino Vietti – MotoriNews

Nell’attesissimo evento MotoGP al Mugello, gli italiani non hanno brillato nelle classi minori. Nel caso del GP d’Italia s’è trattato di episodi davvero sfortunati, visto che ce n’erano due stabilmente in zona podio prima del finale prematuro. In Moto3, Dennis Foggia ha posato le sue ruote su una visiera a strappo, finendo rovinosamente a terra quand’era ampiamente lanciato verso la vittoria. In Moto2 invece Celestino Vietti aveva realizzato una gara da protagonista, guidando oltre le difficoltà, prima di un guasto al cambio che l’ha lasciato a piedi. Sono proprio loro gli autori delle pole in Catalunya, ora serve la ciliegina sulla torta nelle gare di domenica.

Operazione rimonta

Le ultime quattro gare non sono state davvero positive per Dennis Foggia. L’italiano di punta della classe minore del Mondiale MotoGP non vede il podio da troppo tempo. Ne hanno approfittato i rivali, in particolare il leader Moto3 Sergio Garcia, che ha accumulato la bellezza di 42 punti di vantaggio su Foggia. Ora serve la svolta e certo il primo segnale è la pole position, al seconda nella sua carriera quinquennale in entry class. Ora però bisogna completare il fine settimana, serve una vittoria per rilanciarsi anche in ottica iridata. Vincere in casa del nemico, ricambiando quando fatto al Mugello, sarebbe una grossa iniezione di fiducia e certo un forte segnale a tutti i rivali della categoria. Serve un “Ci sono anche io!” gridato a gran voce dal primo gradino del podio.

dennis-foggia-moto3-catalunya
Dennis Foggia – MotoriNews

A caccia del riscatto

Non è troppo diverso per Celestino Vietti, che nonostante qualche GP complesso è ancora il leader della Moto2. Adesso però in coabitazione, visto che Ai Ogura ha totalmente annullato il ritardo di circa 30 punti che aveva dopo il GP del Portogallo. Il giapponese è solido e costante, anche altri rivali stanno risalendo, e l’italiano di VR46 (osservato da qualche team MotoGP per il 2023) deve mandare un forte segnale. Ecco oggi la prima pole dal Qatar, una magia all’ultimo respiro: arrivato dalla Q1, Vietti si è lanciato in un ultimo giro veloce, non lasciando scampo ad Aron Canet. È una pole stellare, a dimostrazione che l’italiano sarà protagonista, e non solo per un “semplice” piazzamento sul podio. Serve il pugno sul tavolo, l’acuto che manca da qualche GP. Sarà una sfida incandescente sotto il sole cocente del Montmeló.