MotoGP: super gara dell’esordiente VR46, è un Mugello da favola

Una gara strepitosa sulla difficile pista di casa del Mugello. L’esordiente del team VR46 è uno spettacolo, che crescita in MotoGP! 

bezzecchi-vr46-mugello-instagram
Marco Bezzecchi, VR46 – MotoriNews

Si è appena concluso l’appuntamento all’Autodromo del Mugello. Un circuito apprezzato da tutti ma che certamente esalta i ragazzi italiani. Non in tutte le categorie per questa edizione 2022, ma di sicuro in MotoGP è stata una spinta in più. Ha vinto un italiano, Pecco Bagnaia, ma c’è stato anche un esordiente che ha realizzato una gara magica. Marco Bezzecchi, debuttante con la Ducati del team VR46, di sicuro non dimenticherà facilmente il GP d’Italia, una tappa memorabile che scaccia qualsiasi dubbio sulle sue capacità.

Al comando della corsa

Già le qualifiche sono state qualcosa di incredibile. Bezzecchi, il poleman Fabio Di Giannantonio e Luca Marini hanno monopolizzato una prima fila inedita e storica. Il Mugello non aveva mai visto un trio MotoGP tutto italiano in qualifica! Ha ammesso subito di non vedersi capace di vincere, ma certamente un pensierino l’avrà fatto. Un ottimo scatto al via e non ci mette molto per prendere addirittura il comando della gara! Con addirittura un principio di fuga sugli inseguitori, mantenendo la prima posizione per parecchi giri. Un inizio davvero da sogno, finché non è arrivato Bagnaia, più cauto stavolta e senza farsi prendere dalla pressione. L’alfiere VR46 e ‘Pecco’ procedono insieme per qualche giro, finché il pilota Ducati Team non prende l’iniziativa e lo supera, scappando presto. Bezzecchi perde poi qualche altra posizione, per poi finire 5° con un sorpasso finale da parte di Zarco. Ma non si può certo essere delusi, è un super risultato per il rookie VR46!

Ancora davanti a Marini

Lo era già stato in qualifica, quando lui aveva chiuso secondo davanti al “fratellino d’arte”. L’ha confermato oggi con una corsa memorabile, un altro mattoncino importante nella crescita di Bezzecchi in MotoGP. Il team VR46 ha un pilota con un anno di esperienza, Marini, a cui è stato affiancato l’esordiente in arrivo dalla Moto2. Eppure i valori sembrano opposti, con Marini dietro al collega al traguardo. Marco Bezzecchi continua a mostrare una crescita esponenziale gara dopo gara, la festa al suo ritorno al box parla chiarissimo. Il riccio di VR46 continua a sorprendere e non poco, e sul difficilissimo Mugello ha messo a referto una corsa spettacolare, comandando anche per qualche giro! Un lusso che pochissimi esordienti si sono permessi negli anni… E l’idea di poter salire presto sul podio della MotoGP diventa sempre più concreta.