MotoGP, tutti giù per terra: date un’occhiata ai numeri, rimarrete di stucco

Dopo 11 Gran Premi, un’occhiata alla classifica delle cadute in MotoGP. Non mancano confronti e numeri sorprendenti. 

motogp-vr46-ducati-cadute
MotoGP, quante cadute – MotoriNews

La prima parte di stagione MotoGP 2022 si è conclusa, è tempo di bilanci. Stavolta però guardando un aspetto particolare, che non riguarda vittorie e podi. Piuttosto, quante volte sono caduti i piloti della classe regina? Nel complesso siamo poco sotto i 200 incidenti, 186 per la precisione, oltre a ricordare che non tutti i ragazzi visti in azione in MotoGP finora hanno disputato tutti e 11 i GP mandati in archivio. Honda e Ducati si confermano le moto più “difficili”, ma anche con con questi dettagli non mancano davvero alcune sorprese…

Rookie MotoGP al vertice

Al vertice c’è un rappresentante italiano, uno dei debuttanti nella classe regina del Motomondiale. Si tratta di Marco Bezzecchi, alfiere VR46-Ducati, che comanda la classifica con ben 15 cadute in 11 Gran Premi disputati. Una Rossa a capo di una top 7 occupata esclusivamente da piloti Honda e Ducati, piuttosto eloquente per indicare le difficoltà di gestione delle due moto. Sorprendente anche il fatto che Marc Marquez, nonostante lo stop prematuro, sia al 5° posto tra i più incidentati! Non giovano poi gli 8 incidenti di Pecco Bagnaia, esattamente il doppio di quelli del campione MotoGP in carica Fabio Quartararo. Anche se bisogna dire che Johann Zarco, con 9 cadute, è il miglior pilota Ducati in classifica iridata… Mentre Aleix Espargaro 2° ha messo a referto sette incidenti finora, tre in meno del fratello minore Pol. Una sorpresa però c’è anche in coda, si tratta di Maverick Vinales. Al momento l’alfiere Aprilia è l’unico della categoria MotoGP che ancora non ha riportato nemmeno una caduta dopo i primi 11 Gran Premi. Un dato decisamente interessante, a cui si aggiunge poi la costante crescita mostrata gara dopo gara in sella alla RS-GP. Coronata dal podio di Assen, il primo con la casa veneta. Decisamente da tenere d’occhio per la seconda parte di stagione!

La classifica

Marco Bezzecchi (VR46-Ducati) – 15; Enea Bastianini (Gresini-Ducati) – 14; Alex Marquez (LCR-Honda) – 12; Jorge Martin (Pramac-Ducati) – 11; Marc Marquez (Honda) – 10; Pol Espargaro (Honda) – 10; Johann Zarco (Pramac-Ducati) – 9; Joan Mir (Suzuki) – 9; Darryn Binder (RNF-Yamaha) – 9; Francesco Bagnaia (Ducati) – 8; Brad Binder (KTM) – 8; Aleix Espargaro (Aprilia) – 7; Jack Miller (Ducati) – 7; Stefan Bradl (Honda) – 6; Fabio Di Giannantonio (Gresini-Ducati) – 6; Remy Gardner (Tech3-KTM) – 6; Franco Morbidelli (Yamaha) – 6; Takaaki Nakagami (LCR Honda) – 6; Alex Rins (Suzuki) – 5; Raul Fernandez (Tech3-KTM) – 5; Luca Marini (VR46-Ducati) – 5; Fabio Quartararo (Yamaha) – 4; Miguel Oliveira (KTM) – 4; Lorenzo Savadori (Aprilia) – 2; Andrea Dovizioso (RNF-Yamaha) – 1; Michele Pirro (Ducati) – 1; Maverick Vinales (Aprilia) – 0