MotoGP: “Un’opzione di cui ci siamo pentiti.” KTM massacra i suoi rookie

KTM non usa mezzi termini per bocciare i suoi esordienti in Tech3. Ma per uno dei due forse c’è uno spiraglio per la MotoGP 2023… 

gardner-fernandez-ktm-instagram
Fernandez e Gardner, KTM – MotoriNews

L’occhio delle squadre MotoGP guarda al futuro, precisamente al 2023. È un periodo decisamente incandescente per il mercato, non sono già mancati vari importanti colpi di scena per quanto riguarda la prossima stagione mondiale. Uno è capitato in casa KTM, con l’improvviso ingaggio di Jack Miller per i prossimi due anni e l’addio quindi a Miguel Oliveira (e per un motivo imbarazzante). Ma emerge anche lo scontento per i due esordienti nel team satellite Tech3, Remy Gardner e Raul Fernandez. Entrambi già bocciati senza riserve dopo le prime nove gare della stagione 2022.

“Mi sono pentito”

Pit Beirer, direttore KTM, in questi giorni ha fatto il punto sulla situazione attuale. La sua maggiore attenzione è rivolta appunto al campione ed al vice-campione Moto2, l’anno scorso entrambi in KTM Ajo e portati in coppia in MotoGP. “Abbiamo esercitato un’opzione di cui mi sono pentito” ha dichiarato Beirer, parlando di Raul Fernandez. Pilota l’anno scorso avvicinato da Yamaha per il passaggio in MotoGP. Ma in KTM non volevano perderlo e l’hanno blindato, promuovendolo in top class all’interno della struttura austriaca. “Serve gente che creda nel progetto ha rimarcato Pit Beirer. Sottolineando quindi che il giovane spagnolo non si sta impegnando abbastanza, tutt’altro… Una critica che muove non solo a lui, ma anche al suo compagno di box.

“Si era dato per vinto”

Remy Gardner è approdato in classe regina da campione Moto2. Il miglior biglietto da visita possibile per un debuttante MotoGP. Ma c’è qualcosa di questi primi 9 GP che non è piaciuto a Beirer. Ha perso fiducia, dicendo che non si poteva, che la moto non funziona, che non si diverte. E che forse l’anno prossimo passa alla Superbike. Semplicemente s’è dato per vinto.” Un atteggiamento che ha fatto sì che il boss KTM iniziasse seriamente a dubitare. “Non sembrava che [Gardner e Fernandez] stessero andando nella direzione giusta.” Ma, almeno nel caso del figlio d’arte, sembra sia cambiato qualcosa. Lotta, ha compreso che bisogna migliorare millimetro dopo millimetro. Se arriva un punto, bisogna mirare a due la prossima volta. Remy l’ha capito.” Motivo per cui KTM vorrebbe dargli un’altra occasione, a differenza di Fernandez. Lo spagnolo invece sembra finito nel mirino di RNF Aprilia, che vorrebbe lui ed Alex Rins per la stagione 2023.