Gigi Dall’Igna, direttore generali di Ducati Corse in MotoGP, ha rilasciato un’interessante intervista a Paolo Ianieri della ‘Gazzetta dello Sport’, parlando di temi molto caldi e stuzzicanti alla vigilia del Gran Premio dell’Australia in programma il prossimo weekend a Phillip Island. Il manager e ingegnere della scuderia di Borgo Panigale ha parlato di Andrea Dovizioso e di Danilo Petrucci e dei possibili e futuri piloti che finiranno in sella alla Desmosedici. Secondo alcune indiscrezioni ci sarebbe la possibilità di vedere uno spagnolo alla guida della rossa e alcune voci fanno il nome di Maverick Vinales, ad oggi pilota Yamaha e team-mate di Valentino Rossi. Il direttore Dall’Igna durante l’intervista ha parlato anche delle possibili ‘sirene’ provenienti dalla KTM e di cosa non ha funzionato quest’anno per la Ducati.

Dall’Igna, il punto sulla stagione in corso e sui suoi piloti

Come da sottotitolo Gigi Dall’Igna ha parlato della tecnica della Ducati nell’arco della stagione in corso e dei suoi piloti Dovizioso e Petrucci. Per quanto riguarda il primo aspetto, la rossa di Borgo Panigale ha fatto e fa ancora molto fatica nell’essere la più forte in termini di potenza sui rettilinei. Infatti è riuscita a farsi recuperare e superare dalla Honda. Il manager italiano sostiene che sarebbe bello poter ritornare al gap precedente e malgrado fosse difficile farlo resta uno dei principali obiettivi. Il problema fulcro della questione è la percorrenza in curva, deficitaria verso tutti i principali avversari. Occorre, dunque in primis, lavorare e concentrarsi su questo fattore. La Ducati non ha difficoltà nel girare, anzi alcune situazioni le preferisce come ad esempio la staccata.

Quanto al secondo aspetto, ovvero ai piloti Ducati, Dall’Igna ha voluto sottolineare le prestazioni in netto calo di Danilo Petrucci. Secondo l’ingegnere, ma non solo, per poter rivedere la rossa di nuovo in vetta e per riuscire a vincere il titolo mondiale occorrono due piloti che siano al top. La speranza di Dall’Igna è sicuramente quella di vedere il Dovi e Petrux migliorare le loro prestazioni in gara.

Dall’Igna sul possibile arrivo di Vinales

Il mercato piloti è certamente l’argomento più caldo e interessante della lunga intervista di Gigi Dall’Igna. A quanto pare si pensa ad un pilota spagnolo da portare a tutti i costi in Ducati. Il desiderio primario si chiama Marc Marquez, la scuderia italiana ha tutte le possibilità, soprattutto economiche di farlo arrivare, ma di questo si potrebbe parlare nel 2021. L’alternativa al neo campione del mondo, sarebbe un altro iberico ossia Jorge Lorenzo. Il maiorchino, ex Yamaha e attuale Honda, non rientra assolutamente nelle “grazie” di Gigi, infatti da parte sua giunge un secco: “No, basta (Lorenzo)”. Altro spagnolo che interesserebbe molto al direttore generale sarebbe Maverick Vinales, ecco cosa pensa di lui:

“Mi aspetto movimenti di mercato molto anticipati nel 2020, molte cose forse si stanno già muovendo, è probabile che qualcosa accadrà presto. Vinales? È uno di quei piloti che è riuscito a battere Marquez (come Dovi e Rins). Stiamo valutando, non dipende solo da noi“.

Dall’Igna e le sirene KTM

Sul futuro di Dall’Igna in KTM ci sono in giro parecchie voci, che già alcuni mesi fa davano per certo l’ingegnere verso la scuderia austriaca. Gigi però ha subito tranquillizzato i tifosi ducatisti smentendo la notizia e confermando di non aver mai ricevuto un’offerta da KTM e che il suo principale obiettivo resta quello di vincere il titolo mondiale con Ducati, che tra l’altro considera una delle migliori case europee.