Anche la Ferrari vuole restare a passo con i tempi. I vertici di Maranello, ossia il team principal Ferrari Mattia Binotto, sta lavorando affinché il futuro possa tingersi anche di rosa. Ebbene sì, a quanto pare, tra i vari piani ci sarebbe anche quello di portare una donna a bordo della rossa e che farà parte del giovane vivaio dei piloti emergenti. Dunque l’obiettivo è quello di una vera e propria svolta nel portare l’universo femminile a far parte della Ferrari Driver Academy.  

Queste a seguire sono le parole di Mattia Binotto in merito:

Stiamo aumentando il numero di piloti della Driver Academy del prossimo anno. Alcuni altri piloti si uniranno, non sono in grado di dirti quanti e chi, ma è qualcosa su cui stiamo lavorando molto duramente. L’Accademia cerca anche donne in futuro; le donne dovrebbero far parte della Ferrari Driver Academy. È qualcosa su cui stiamo lavorando proprio ora per assicurarci che possa accadere molto presto”.

Ha poi aggiunto: L’ADF dei giovani piloti è una parte molto importante della Ferrari, perché ci occupiamo di pensare ai talento del futuro. La Ferrari vuole sempre lavorare per il futuro per assicurarsi che sia forte nel medio e lungo termine“.

La Ferrari Driver Academy apre le porte alle donne

L’argomento si è fatto vivo durante la scorsa cena di Natale tenutasi a Maranello, quando Mattia Binotto si è espresso parlando del futuro della Ferrari che vuole far tingere anche di rosa. Dunque il team principal della Rossa vuole essere di larghe vedute e intende introdurre una donna all’interno della Ferrari Driver Academy, programma riservato ai giovani talenti del futuro. Ovviamente si tratta di una bellissima iniziativa, malgrado nel motorsport l’evoluzione della donna è ancora a stretto raggio. Infatti, dal 1950 al giorno d’oggi, solamente cinque sono state le donne al volante di una Formula 1. La prima donna su tutte a correre in F1 è stata Maria Teresa De Filippis, successivamente si ricordano anche i nomi di Maria Grazia Lombardi, Divina Galicia, Desiré Wilson e Giovanna Amati.

Oggi nessuna donna corre in un campionato mondiale di Formula 1. Solo Susie Wolff è salita più volte a bordo della Williams per esprimersi in eventi promozionali oppure in sessioni di test, infatti in più occasioni, l’ex pilota automobilistica britannica di 37 anni ha effettuato le prove libere del venerdì. Insomma in previsione futura non ci resta che aspettare una donna anche alla guida di una Ferrari. Anche se non come pilota ufficiale, ma almeno durante un test.

jamie-chadwick

Ferrari Driver Academy in netta crescita

Ad oggi la FDA per quanto riguarda l’universo maschile vanta di vari talenti, probabili futuri campioni. Tra questi spicca sicuramente il nome di Mick Schumacher, figlio del campione iridato Michael Schumacher e Robert Scwartzman (campione in carica della Formula 3). Si parla molto anche di Callum Ilott, Giuliano Alesi e Marcus Armstrong. Non dimentichiamo che da questo programma di giovani talenti è uscito fuori anche Charles Leclerc, attuale pilota titolare Ferrari in Formula 1.