Una Formula 1 tutta al femminile? Strano da pensare al giorno d’oggi, ma perchè no in un futuro che (ci auguriamo) vedrà sempre più una parità di sessi. Ad oggi sono solo 6 le donne salite a bordo di monoposto di Formula 1 e non tutte hanno disputato gare ufficiali. Le ultime due, infatti, hanno solo preso parte a test stagionali o prove libere. Si tratta di Susie Wolff (moglie di Toto), che ha disputato alcune sessioni di prove sulla Williams negli anni 2014 e 2015. Poi Tatiana Calderon, collaudatrice Sauber negli anni 2018 e 2019.

Prima di loro ci furono Maria Teresa De Filippis su Maserati negli anni ’50, Maria Grazia Lombardi negli anni ’70 (unica donna a punti) e Divina Galica (inglese che negli anni ’70 non superò mai le qualifiche). Poi ancora Desirè Wilson, sudafricana (anni ’80), anch’essa mai in gara per non aver superato le qualifiche. Ultima donna a gareggiare è stata l’italiana Giovanna Amati che ad inizio anni ’90 su Brabham ha sfiorato la qualificazione nelle prime tre gare del campionato 1992 ed è poi stata sostituita da Damon Hill.

Insomma le comparse femminili in Formula 1 sono state davvero sporadiche e non hanno mai lasciato il segno. Come potrebbe essere oggi la griglia del mondiale F1 2021 se tutti i piloti fossero donna? Ecco la griglia della gara del Bahrein ridisegnata da un abile fotoritocco preso dal canale Youtube F1nest Seven level:

Tutti i piloti sono stati trasformati assumento un volto femminile, ma mantenendo i propri lineamenti. Alcune “ragazze” del circus sono venute davvero bene, vedi Russel, Giovinazzi. Altri/e un po’ meno. Kimi, anzi scusate, Kimberly Raikkonen sembra Maga Magò.

Chiacchiere a parte troviamo questo esperimento grafico davvero ben riuscito. Ci auguriamo di riuscire a portare il sorriso sulla bocca di qualcuno. Di seguito la gallery con tutta la griglia di partenza e le 10 file in ordine.

Ricordiamo che il prossimo appuntamento del mondiale di Formula 1 2021 si correrà domenica 23 maggio sull’impegnativo e storico circuito di Montecarlo. Una gara in cui è impossibile superare e dove le qualifiche potrebbero fare la differenza. Attenzione inoltre al degrado delle gomme ed alla presenza (quasi scontata) della safety car. Nel nostro link, orari e dirette TV.