Aston Martin ha dato il via alla produzione della nuova nata Vantage. Per questo evento è stata fatta una cerimonia molto importante per celebrare questa nuova supercar. Il presidente e amministratore delegato di Aston Martin, il dott. Andy Palmer, ha dichiarato: “Oggi rappresenta un momento emozionante per l’intera azienda e un giorno importante nella storia di Aston Martin. Vantage è stato il singolo modello di maggior successo nella storia di Aston Martin e riteniamo che il suo successore lo sorpasserà. Lo faremo trattenendo i nostri importanti proprietari esistenti e attraverso il riposizionamento dell’auto, creando nuovi clienti in nuovi paesi. La nuovo Vantage spicca nelle auto sportive di lusso e spero che sia la migliore nel suo segmento. Con l’imminente lancio della DBS Superleggera, siamo sulla buona strada per sostituire ciascuno dei nostri modelli di auto sportive a due porte esistenti entro la fine di quest’anno.

Segnando l’inizio della produzione presso la sede di Aston Martin nel Warwickshire, Greg Clark, Segretario di Stato per l’Energia aziendale e la strategia industriale, ha dichiarato: “Aston Martin è un marchio iconico che è parte integrante dell’orgoglio automotive della Gran Bretagna.” “Attraverso la nostra moderna strategia industriale stiamo costruendo questo successo, e il nuovo Vantage è un’auto di fabbricazione britannica che esemplifica l’abilità e l’innovazione che contraddistinguono il settore auto del Regno Unito dai suoi concorrenti.

Acquistando la nuova Vantage, potranno mettersi al volante di un propulsore di origine AMG V8 4.0 biturbo da 510 cv di potenza e 685 Nm di coppia. Costruita a mano nello stabilimento e nella sede della società per la produzione di auto sportive, a Gaydon, nel Warwickshire, la nuovo Vantage si unisce alla Rapide S, alla famiglia DB11, e alla prossima DBS Superleggera. Questa è la seconda di una linea di sette nuovi modelli da lanciare nell’arco di sette anni, in linea con il “Piano del secondo secolo” dell’azienda, che porta la società, di 105 anni, nel suo prossimo secolo di attività.