Le berline Fiat prodotte tra gli anni ’60 e ’80 del secolo scorso, vale a dire i modelli 124 e 131, hanno fatto scuola nel campo delle auto. Modelli che hanno riscosso enorme successo, garantendo insieme ottime doti di spazio ed una meccanica eccellente.

La Fiat 124, prodotta tra il 1966 ed il 1974, era un modello a tre volumi, lungo 403 cm, che fu eletta anche auto dell’anno nel 1967. L’auto fu prodotta negli anni con motorizzazioni con potenze tra i 60 ed i 95 CV, diventando una tra le auto per famiglie più apprezzate. Sono stati oltre 1,5 milioni gli esemplari venduti nel solo mercato nazionale.

Nel 1974 tale modello cedette il testimone ad un’altra pietra miliare del brand Fiat. Parliamo della 131, lunga 426 cm, diventata icona dell’automobilismo mondiale grazie anche alle vittorie nel campionato del mondo rally costruttori nel 1977, nel 1978 e nel 1980 (vie fu tra l’altro un certo Walter Röhrl alla guida). la Fiat 131 fu prodotta sino al 1985 e commercializzata in oltre 1,5 milioni di esemplari nella sola Italia.

Oggi che sono particolarmente di moda i modelli ispirati a vetture del passato, i cosiddetti restomod, sarebbe possibile far nascere un’auto, totalmente elettrica, in ricordo dei fasti di un tempo? Alcune case automobilistiche ci stanno pensando, Renault in primis, avendo già annunciato il ritorno dei modelli Renault 4 e Renault 5 entro il 2025. Opel potrebbe riproporre la Manta.

Nelle immagini utilizzate nell’articolo proponiamo il modello che il designer Neuman Pirela ha pensato proprio ispirandosi alle Fiat 124 e 131. Le immagini sono state prese dai video Youtube del suo canale. Ovviamente si tratta di un progetto non ufficiale. Di seguito la fonte:

L’auto ideata dall’artista si chiama Fiat 120e. Si tratta di una berlina a tre volumi con fanaleria anteriore ispirata alla 131. I doppi gruppi ottici rotondi ricordano infatti la berlina anni ’70-’80. Più in stile 124 le luci posteriori. Nell’insieme l’auto appare squadrata, anche se moderna. La strumentazione interna è totalmente digitale con un enorme schermo che occupa tutta la plancia in larghezza.

Un’auto del genere ad oggi non è in previsione, ma se Stellantis facesse un pensierino, di certo si tratterebbe di un modello di successo. L’auto sarebbe vendibile in Italia come “ricordo” dei fasti passati. Inoltre tale tipo di carrozzeria risulterebbe appetibile in diversi mercati emergenti dell’Asia, del Medio oriente e del Sud America. La Fiat 120e potrebbe quindi essere un modello globale.

Basata su piattaforma STLA Medium, lunga 460 cm, l’auto sarebbe solo elettrica. Motori tra i 150 ed i 220 CV per la normale. Una versione Abarth da 250-280 CV darebbero agli utenti una gamma completa. Batterie tra i 60 e gli 80 kWh per autonomie tra 450 e 550 km.