Potrebbe chiamarsi Fiat Fastback il modello che la Casa Torinese dovrebbe proporre per avere un veicolo di medio/grandi dimensioni accattivante.

Si tratta ad oggi, purtroppo, solo di un veicolo di fantasia, che non avrà probabilmente futuro. L’idea di una tale vettura è venuta al designer brasiliano Kleber Silva.

Inseriamo di seguito il link dal quale abbiamo preso le immagini dell’articolo.

RENDER DELLA FIAT FASTBACK, SUV SPORTIVO IDEATO DA KLEBER SILVA

La Fiat Fastback potrebbe essere il giusto veicolo da proporre nel corso dei prossimi anni per sfondare nel segmento dei SUV medio grandi dal look sportivo.

Un’auto che potrebbe nascere attorno al 2026-2027, con ispirazione alle cugine (Alfa Romeo, Peugeot, etc) che Stellantis potrebbe proporre su piattaforma STLA Medium.

La Fiat Fastback potrebbe arrivare a listino con una lunghezza di circa 460-465 cm. In gamma possibili versioni ibride plug-in e totalmente elettriche. Le prime potrebbero avere circa 190, 225 e 300 CV. Grazie a batterie da 18-20 kWh si potrebbero sfiorare i 100 km di autonomia in elettrico. Trazione anteriore o integrale.

Per le elettriche potremmo aspettarci varianti tra i 200 ed i 350 CV con singolo o doppio motore. Batterie tra i 65 e gli 80 kWh. Percorrenze tra i 450 ed i 600 km.

La Fastback potrebbe rappresentare l’alternativa economica ai modelli di fascia premium. Con una cifra d’attacco tra i 33 ed i 35 mila euro tale modello sarebbe indicato a chi vuole un suv grande ed appariscente, senza doversi svenare.

Purtroppo ad oggi la Fiat Fastback rappresenta solo un esercizio di stile. Non ci sono indicazioni su una sua possibile produzione in serie in Europa. L’auto nasceva nel 2018 come concept per un futuro modello di serie da lanciare sul mercato brasiliano. Poi non se n’è fatto nulla.

Staremo ad osservare i piani futuri di Stellantis, con un po’il timore che nel futuro riservato a Fiat ci saranno solo modelli medio/piccoli e difficilmente dalle forme più innovative. Avremo molto probabilmente più modelli tradizionali che esperimenti per osare un po’. Anche l’idea della Fiat Centoventi che doveva rappresentare un nuovo modo di concepire l’auto, sembra si sia trasformata in qualcosa di più appartenente ai soliti schemi. Staremo a vedere. Continuate a seguirci.