Photo credit | Steve Buissinne/Pixabay
Volete pagare il bollo auto fuori dalla vostra regione di residenza e non sapete come fare? Tranquilli, basta seguire alcuni consigli e il problema sarà risolto in tutto e per tutto. Anzitutto, ricordiamo che il bollo auto è quel tributo locale che grava sugli autoveicoli e motoveicoli immatricolati nella Repubblica Italiana, il cui versamento è a favore delle Regioni d’Italia di residenza. Dunque, deve essere pagato in tempo, onde evitare lo scatto della cosiddetta mora, con altri soldi da sborsare per gli automobilisti.

Dunque, se vi trovate lontano dalla vostra regione, nella quale avete la dimora, niente paura. Come prima cosa dovete portare con voi la ricevuta del bollo pagato negli anni scorsi in modo da avere le informazioni utili per il pagamento. Dopo, dovete recarvi nelle sedi autorizzate alla riscossione: i vari punti Aci, agenzie di pratiche auto, tabaccherie, uffici postali o banche convenzionate con le diverse regioni.
In alcune zone d’Italia, come Abruzzo, Basilicata, Lazio, Lombardia, Emilia Romagna, Molise, Liguria, Lombardia (solo pagamento bollo per targa), Toscana, Puglia, Valle D’Aosta, Umbria e, nelle sole province di Bolzano o Trento è possibile ottemperare al pagamento attraverso il servizio online denominato Bollonet, che calcola l’importo in pochi minuti. In Calabria, invece, la corresponsione è possibile solo per atti di accertamento e avvisi.

Tutte queste informazioni sono disponibili sul sito ufficiale dell’Aci. Se si usa il servizio Bollonet, il pagamento della tassa automobilistica può essere effettuato solo a partire dal 1° giorno del mese successivo a quello di scadenza (o dopo qualche giorno dalla data di immatricolazione, nel caso di primo pagamento). Esempio: il calcolo del bollo con scadenza Settembre può essere effettuato solo dal 1° Ottobre.