Precedenza alle rotatorie, la sbagliano tutti quanti: se fai questo rischi una multa infinita

La precedenza nelle rotatorie confonde molti utenti, infatti la gran parte degli automobilisti sbaglia perché non conosce le norme del codice della strada o piano piano nel tempo le ha dimenticate.

precedenza alle rotatorie rischio multe
Precedenza alle rotatorie – motori.news

A volte quando si arriva agli incroci o alle rotatorie ci si comporta in base alle intenzioni degli altri automobilisti, basandosi esclusivamente su questo.

Purtroppo bisogna sapere che un errore anche di piccolo conto può comportare degli esborsi parecchio onerosi, per cui l’unica cosa da fare è prendere in considerazione le norme del codice della strada e rispettarle una per una.

La prudenza è alla base della guida sicura, come comportarsi alla rotatoria

Quando si parla di circolazione corretta si parla soprattutto di prudenza. Le rotatorie sono state installate in tutte le città italiane per aumentare la sicurezza e per rendere il traffico più fluido, riducendo il numero degli incidenti che nel più delle volte sono peraltro mortali-

Invece a quanto pare hanno influito in maniera negativa, perché non tutti capiscono come si devono comportare. A differenza degli stop e dei semafori rossi non impongono l’arresto della marcia, ma il rallentamento per osservare le altre auto, evitando collisioni.

Così c’è chi si ferma e chi rallenta, e poi non manca il furbetto di turno che pensa di avere sempre la precedenza. In questo caso, sono guai. Il veicolo che si trova dentro la rotatoria e che quindi l’ha già impegnata ha precedenza rispetto a chi sta per arrivare.

Per questo motivo una volta giunti vicino alla rotatoria bisogna prima di tutto osservare il comportamento degli altri automobilisti, poi fermarsi se è necessario e proseguire se si ha precedenza. In questo caso, nessuno può dire nulla, nemmeno in caso di sinistri perché si è dalla parte della ragione. 

Rotatoria-Motori.news

Perché la commissione europea ha installato le rotatorie

La Commissione Europea ha scelto di installare le rotatorie nelle varie città anche per mantenere il livello dello smog al di sotto della media. Può sembrare strano, ma rispetto ai semafori le rotonde rispettano l’ambiente, non lo inquinano come i dispositivi luminosi.

Il motivo è semplice, al semaforo siamo costretti a fermarci, quindi i gas di scarico delle auto inquinano l’aria in un modo che nessuno può immaginare. Invece alla rotonda si deve semplicemente rallentare, di conseguenza il traffico è fluido.

Chi non rispetta le regole e quindi non dà la precedenza alla rotatoria, segnalando i propri movimenti e le intenzioni con le frecce, rischia non solo di fare incidenti, ma anche di beccare delle contravvenzioni che vanno da €160 a €700 a cui si aggiunge la decurtazione di 5 punti dalla patente.

Nel caso dei neopatentati i punti decurtati, raddoppiano, viene anche ritirata la patente.