L'ultima della gamma I.D. è la nuova Vizzion, ammiraglia elettrica a guida autonoma di Volkswagen, che mostra come sarà la versione definitiva

La ID Vizzion è l’ultima concept elettria, a guida autonoma, presentata al 2018. La gamma I.D. era già stata composta da altre vetture, parliamo della I.D. originale, una compatta con dimensioni simili a quelle della Golf ma con trazione 100% elettrica, poi fu il turno dell’I.D. Buzz, la reinterpretazione futuristica del mitico Bulli e infine anche un crossover elettrico, la I.D. Crozz.

Quest’ultima Vizzion rappresenta l’ammiraglia della gammma elettrica, con queste linee decise e molto futuristiche, che ricordano vagamente l’Audi A7 nella parte posteriore. Ovviamente essendo un concept alcune soluzioni saranno modificate sulla versione di serie come le luci a led al posto delle maniglie e qualche altro dettaglio. Lunga ben 5,16 metri, con un passo da 3,1 metri permette di avere molto spazio a bordo per quattro passeggeri. Uno stile minimalista e molto zen che viene sottolineato dalla mancanza del volante, dei pedali o di altre leve leve. Volkswagen infatti ritiene che basterà solo comunicare con un’intelligenza artificiale attraverso comandi vocali o gesti, che permetteranno anche l’apertura e chiusura delle portiere elettriche. Il viaggio diventerà un’esperienza di relax e comfort, grazie all’assistente virtuale che monitorerà i parametri vitali dei passeggeri che saranno seduti su dei sedili a guscio rivestiti in pelle St. Tropez, che potranno ruotare per creare una piccola saletta.

Un’altra caratteristica sono le portiere che si aprono a 90° e sono privi di montante centrale. Il logo Volkswagen è illuminato, così come anche le maniglie delle portiere e diverse linee dell’auto che creano animazioni non appena riconoscono, tramite analisi facciale, il proprietario della vettura. I.D. Vizzion è spinta da due motori elettrici, uno sull’asse anteriore e uno su quello posteriore: garantendo una trazione integrale a zero emissioni, per una potenza totale di 305 cavalli con un’autonomia superiore ai 600 km ed una velocità massima autolimitata di 180 km/h.

Per ricaricare la vettura è presente un sistema induttivo ma, oltre a questa soluzione wireless, per fare il pieno di elettroni è disponibile anche un connettore CCS (Combined Charging System) che permette di collegarsi sia alle prese domestiche, sia alle colonnine. Secondo la Volkswagen, queste tecnologie di guida totalmente autonoma arriveranno sul mercato già nel 2025.