Prezzi diesel e benzina, dal 2 agosto cambia tutto: arrivano i bonus ma non per tutti | Sbrigati

Gli sconti statali su diesel e benzina sono stati prorogati al 2 agosto, una bella boccata di ossigeno per gli automobilisti italiani.

Prezzi benzina
Prezzi benzina – motori.news

La notizia che tutti gli automobilisti italiani aspettavano è arrivata, gli sconti statali sul carburante sono stati prorogati. Un piccolo aiuto ai prezzi ormai fuori controllo, di diesel e benzina. Il Governo come aveva precedente detto, ha portato avanti lo sconto, per questo momento così eccezionale. La guerra in Ucraina che ha portato il prezzo a livelli record, riguarda anche il metano. Questo carburante anche continuerà ad avere uno sconto, ovviamente più basso, rispetto agli altri carburanti.

I bonus statali continuano

Il Decreto Ucraina bis viene prorogato, che permette uno sconto di 30 centesimi su diesel e benzina, e 10 centesimi sul metano. Il Governo con una nota ha diramato la decisione, specificando che ancora non siamo usciti da questa crisi. Lo sconto riguarda la sospensione di alcune accise, che al momento possono essere accantonate. Il Governo ha dato seguito alla parola data, anche se il prezzo del carburante continua a salite, ma questo è un altro problema.

Palazzo di Governo
il Governo ha dato una seria risposta a questa crisi – motori.news

Il Parlamento ha fatto ciò che era in suo potere nel breve periodo, il lavoro per ritornare a cifre più normali è ancora lontano. La nota cerca di dare anche i prezzi all’ingrosso dimostrando che di più al momento, non sì può fare. La possibilità di portare avanti lo sconto è dovuta all’Iva. Ovvero, il prezzo del bene con l’aliquota Iva, riesce a coprire quelle accise, e quindi permette di abbassare i prezzi. Bisognerà capire, fino a quando l’aliquota Iva riuscirà a coprire queste tasse.

Ci sono categorie che hanno un ulteriore sconto

Il Decreto Ucraina Bis, nel suo articolo 2, ci dice che c’è un ulteriore sconto, per alcune categorie. Stiamo parlando del bonus carburante per le aziende, che riguarda quelle private ed i suoi dipendenti. Molte aziende utilizzano tale sconto, soprattutto quelle che hanno dipendenti pendolari, e sono costretti ad utilizzare l’auto, per andare al lavoro. L’importo massimo che può essere erogato è di 200 euro, ed esso non guarda al reddito della persona, quindi si applica a tutti.

fare il rifornimento
Un’ulteriore sconto lo si dà alle aziende – motori.news

Questo è ciò che tutti volevamo sentirci dire dal Governo, per contenere questa insopportabile situazione. Ormai i costi sono sopra ai due euro a litro per il diesel e la benzina, mente il metano è fuori controllo. In alcune zone è rimasto identico, in altre lo si trova anche a 3 euro al kg di media. Vedremo come evolverà la cosa, sicuramente tutti ci auspichiamo una picchiata dei prezzi. Fino a quando però non sarà così, questi sconti statali ce li teniamo cari.